New York: risorse idriche, terzo rapporto mondiale

acqua 2' di lettura 13/03/2009 - Aumenta la pressione sulle risorse idriche: a denunciarlo è l’Onu in un rapporto.

L’aumento della domanda, legato alla crescita e alla mobilità della popolazione, all’evoluzione degli stili di consumo e agli accresciuti bisogni di energia, nonché ai già percettibili effetti dei mutamenti climatici provoca una pressione sempre maggiore sulle risorse idriche”, spiega la terza edizione del Rapporto mondiale delle Nazioni Unite sullo sviluppo delle risorse idriche, che sarà diffuso in occasione del 5° Forum mondiale sull’acqua in programma a Istanbul dal 16 al 22 marzo. Intitolato “L’acqua nel mondo che cambia”, il rapporto verrà presentato domani in conferenza stampa, presso la sede Onu a New York, alla presenza del suo coordinatore William Cosgrove.


Si tratta, spiegano dalle Nazioni Unite, della più completa e aggiornata rassegna delle risorse mondiali d’acqua dolce che, partendo dalle conclusioni dei due precedenti rapporti, presentati nel 2003 a Kyoto nel 2006 a Città del Messico, insiste sul ruolo giocato dall’acqua nello sviluppo e nella crescita umana e si sofferma sull’incremento demografico, la modifica degli ecosistemi, la produzione di alimenti, la salute, l’industria e l’energia, i biocarburanti. Completano l’indagine una serie di case-studies su determinate città, regioni o aree (Istanbul, Camerun, Spagna, Paesi Bassi, Sudan, Swaziland e i bacini de La Plata).


Il rapporto si inscrive nel progetto di valutazione mondiale volto a misurare i progressi conseguiti in vista degli obiettivi di sviluppo del Millennio (Mdg) fissati nel 2000 dalle Nazioni Unite attraverso la “Dichiarazione del Millennio” con la quale la comunità internazionale si è impegnata a dimezzare, fra il 2000 e ilo 2015, il numero di persone che non hanno accesso all’acqua potabile, e porre fine all’uso irrazionale delle risorse idriche. Coordinata dal Programma mondiale per la valutazione delle risorse idriche (Wwap) che ha sede a Parigi presso l’Unesco, l’indagine è frutto del lavoro delle 24 agenzie e realtà che fanno parte di “Onu-Acqua”.


Questa terza edizione verrà presentata ufficialmente, in apertura del Forum mondiale sull’acqua, dal direttore generale dell’Unesco Koïchiro Matsuura.






Questo è un articolo pubblicato il 13-03-2009 alle 01:31 sul giornale del 12 marzo 2009 - 2435 letture

In questo articolo si parla di politica, risorse idriche, new york, onu, simone baroncia