Morto suicida Aaron Swartz, attivista informatico e fondatore di Reddit

aaron swartz 2' di lettura 13/01/2013 - Si è tolto la vita all'età di 26 anni, nel suo appartamento di New York, il creatore di Reddit Aaron Swartz.

Noto attivista informatico, sopratutto nell'ambito dei diritti digitali, lottava da anni per la libera condivisione di informazioni e dati su internet. C'era lui dietro la campagna contro Sopa/Pipa, i disegni di legge proposti dal governo Usa per regolamentare la Rete. Un piccolo genio, a soli 14 anni aveva contribuito alla creazione di Rss, lo strumento informatico che permette di abbonarsi alle informazioni online. Tra i suoi progetti Reddit e Creative Commons.

Nel luglio del 2011 era stato accusato dalle autorità federali di crimini informatici per aver scaricato 4 milioni di documenti dell'archivio privato Jstor del Massachusets Institute of Technology. Il JStor (Journal Storage) è un servizio a pagamento del Mit per la consultazione di riviste e articoli scientifici. Swartz aveva scaricato quasi tutta la biblioteca, registrandosi come un utente regolare. Di fatto nemmeno un tentativo di hackeraggio, ma quando il Mit aveva tentato di bloccare il download selvaggio dei documenti, Swartz aveva modificato gli indirizzi Ip dei computer che utilizzava.

Aaron si era dichiarato non colpevole, aveva restituito gli hard drive al Jstor e il Mit aveva deciso di non procedere con la causa. Ma non il procuratore generale. Il processo sarebbe dovuto iniziare a febbraio, 13 i capi di imputazione che avrebbero potuto sfociare in oltre 30 anni di reclusione. Per questo la famiglia del giovane accusa i magistrati e il Mit per il suicidio. Swartz soffriva da anni di depressione, e la paura per una condanna per "un presunto crimine che non aveva vittime" non ha certo aiutato.

In un comunicato da loro diffuso i genitori, i fratelli e la fidanzata sostengono che la morte del ragazzo non è stata solo una "tragedia personale", ma il prodotto di "un sistema di giustizia penale caratterizzato dall'intimidazione e dallo strapotere dei procuratori".






Questo è un articolo pubblicato il 13-01-2013 alle 22:52 sul giornale del 14 gennaio 2013 - 2503 letture

In questo articolo si parla di attualità, internet, suicidio, Stati Uniti, marco vitaloni, aaron swartz

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Ia3





logoEV