Elezioni in Israele: pareggio tra destra e sinistra. Netanyahu primo

Benyamin Netanyahu 1' di lettura 22/01/2013 - E' un parlamento spaccato a metà quello che è uscito dalle elezioni legislative anticipate in Israele.

L'alleanza di destra che fa capo al premier uscente Benjamin Netanyahu sfiora la maggioranza, conquistando 60 su 120.Il Likud, il partito del premier e dell'ex ministro degli Esteri Lieberman è in netto calo ma si riconferma primo partito, con 31 seggi. Con tutta probabilità Netanyanu verrà riconfermato per il suo terzo mandato, ma con margini di manovra piuttosto ristretti. Per governare sarà infatti costretto ad allargare la coalizione, cercando l'appoggio dell'estrema destra e del partito centrista Yesh Atid.

La lista di centro fondata da Yair Lapid, popolare giornalista e conduttore tv, è infatti la vera rivelazione del voto israeliano. Grazie ai 19 seggi conquistati è divenuto il secondo partito. In leggera ripresa i laburisti, che ottengono 15 seggi, mentre cresce la destra ultranazionalista, legata al movimento dei coloni, che si aggiudicano 11 parlamentari. 8 seggi ai partiti arabi-israeliani.






Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2013 alle 23:16 sul giornale del 23 gennaio 2013 - 1968 letture

In questo articolo si parla di elezioni, politica, israele, marco vitaloni, benjamin netanyahu

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Ixt





logoEV