Qatar: scandalo operai-schiavi per i mondiali di calcio

qatar 1' di lettura 26/09/2013 - Scandalo in Qatar, dove sarebbero sfruttati e tenuti in schiavitù migliaia di lavoratori stranieri impiegati nella costruzione delle infrastrutture per il mondiale di calcio 2022.

A lanciare l'accusa è l'inchiesta del quotidiano britannico Guardian, che parla di immigrati nepalesi e indiani costretti a lavorare con turni massacranti, a vivere in capannoni super affollati e con pessime condizioni igieniche. Lavoratori trattati come veri e propri schiavi, senza stipendio e senza passaporto, che viene confiscato per evitare la fuga dal paese. Il risultato è un numero impressionante di morti bianche. Nel suo reportage, il Guardian denuncia che in poco più di due mesi, nel periodo tra il 4 giugno e l'8 agosto di quest'anno, sono morti 44 immigrati nepalesi.

Secondo l'ambasciata dell'India in Quatar, negli ultimi cinque mesi sono morti 82 immigrati indiani,700 negli ultimi due anni e mezzo. Secondo l'International Trade Union Confederation, la confederazione internazionale dei sindacati dei lavoratori, circa 4 mila immigrati rischiano di morire in Qatar entro il 2022 nei lavoro di costruzione di stadi, hotel e altre infrastrutture necessarie per il mondiale. Il Il comitato organizzatore, Qatar 2022 Supreme Committee, del piccolo e ricchissimo stato del Golfo Persico ha espresso profonda preoccupazione per le accuse ed ha annunciato che le autorità governative “stanno già conducendo un’indagine al riguardo”.






Questo è un articolo pubblicato il 26-09-2013 alle 18:44 sul giornale del 27 settembre 2013 - 2636 letture

In questo articolo si parla di attualità, schiavitù, sfruttamento, mondiali di calcio, qatar, marco vitaloni, qatar 2022

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/Si5





logoEV