Iraq: raid aerei americani contro l'Isis

iraq 1' di lettura 08/08/2014 - Sono iniziati i primi bombardamenti americani contro le postazioni dello Stato Islamico (Isis) nel nord dell'Iraq.

I raid aerei sono partiti dopo l’ok del presidente americano Barack Obama, arrivata in diretta tv. "Ho autorizzato bombardamenti aerei mirati in Iraq per colpire i terroristi, proteggere il personale americano e prevenire un potenziale genocidio", ha spiegato il capo delle forze armate statunitensi. Insieme ai bombardamenti, Obama ha autorizzato anche il lancio di aiuti umanitari alle popolazioni in fuga dai miliziani jihadisti. Il capo della Casa Bianca ha però sottolineato che non verranno inviati soldati americani sul territorio iracheno.

Gli aiuti umanitari sono destinati alle decine di migliaia di cristiani e yazidi costretti alla fuga dalla aree di Mosul e Ninive a causa della persecuzione dei miliziani sunniti dello Stato Islamico, che considerano infedeli tutte le altre fedi religiose. Anche l'aviazione britannica inizierà nei prossimi giorni operazioni contro l'Isis per aiutare le minoranze religiose in fuga. Lo ha annunciato alla Bbc il ministro della Difesa di Londra, Michael Fallon. Anche la Francia è pronta ad intervenire militarmente. "Condividiamo la scelta del presidente americano Barack Obama di intervenire", ha detto il ministro degli Esteri Federica Mogherini. E' necessario “proteggere i civili iracheni e in particolare cristiani e yazidi perseguitati dall'Isis e sostenere lo sforzo delle milizie curde Peshmerga per fermare l’avanzata di Isis".






Questo è un articolo pubblicato il 08-08-2014 alle 18:44 sul giornale del 09 agosto 2014 - 2101 letture

In questo articolo si parla di attualità, iraq, Stati Uniti, ISIS, marco vitaloni, articolo, raid aerei

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/8nu





logoEV