Siria: il regime di Assad apre ai raid aerei Usa contro lo Stato Islamico

siria 1' di lettura 25/08/2014 - La Siria è pronta a collaborare con la comunità internazionale, Stati Uniti compresi, nella lotta contro gli estremisti jihadisti dello Stato Islamico.

Lo ha annunciato il ministro degli Esteri di Damasco Walid al-Muallem, dopo che Stati Uniti e Gran Bretagna hanno fatto sapere che starebbero considerando di estendere i raid aerei contro l'Is anche in territorio siriano. Il capo della diplomazia di Damasco ha spiegato che il regime di Assad sarebbe favorevole ad azioni militari occidentali contro i terroristi islamici sul territorio siriano, ma solo se con “un pieno coordinamento con il governo siriano” e nel pieno rispetto della risoluzione Onu n.2170, che prevede sanzioni contro gruppi jihadisti in Siria e Iraq.

Il ministro degli Esteri ha aggiunto che i raid aerei da soli potrebbero non bastare contro lo Stato Islamico, dato che i miliziani dell'Is hanno preso ormai il controllo di una vasta parte di Siria e Iraq. I jihadisti stanno guadagnando terreno anche nei confronti delle forze di Assad. Nella giornata di ieri i combattenti dell'Is hanno conquistato la base aerea di Tabqa, l'ultima roccaforte delle forze governative nella provincia settentrionale di Raqqa.






Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2014 alle 18:45 sul giornale del 26 agosto 2014 - 2075 letture

In questo articolo si parla di attualità, terrorismo, iraq, Stati Uniti, siria, marco vitaloni, articolo, stato islamico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/8Ug





logoEV