Il virologo Silvestri sulla vaccinazione di massa per il Covid: "Unica via per tornare ad una vita normale, meglio i vaccini a mRna"

2' di lettura 27/09/2021 - Il virologo di fama internazionale prof. Guido Silvestri spiega le ragioni della necessità di una campagna di vaccinazione di massa per sconfiggere il Covid.

"Ogni giorno qualcuno mi chiede perché sono fortemente favorevole alla vaccinazione di massa per COVID -spiega il prof. Silvestri- ed ecco le ragioni:
1. I vaccini riducono il rischio di sviluppare COVID severo e di morire di questa malattia del 90-95% varianti comprese. Questa protezione permane per almeno 6 mesi, poi sembra scendere intorno al 70-80% per Pfizer, mentre pare rimanere più alta per Moderna. La terza dose di vaccino ripristina subito la protezione iniziale nei soggetti ad alto rischio(dati israeliani), ma la durata di questa protezione non è ovviamente conosciuta. Pur accettando il fatto che questi dati siano in costante evoluzione, si può tranquillamente concludere, da un punto di vista scientifico, che l'effetto protettivo dei vaccini è notevolissimo.

2. I vaccini riducono il rischio di contrarre l'infezione da SARS-CoV-2 del 50-75%, anche se in modo minore per la variante Delta -- su questo punto però i dati sono meno chiari e più complicati da riassumere, sia in termini di livello che di durata di questa efficacia. Detto questo, si può anche qui concludere che i vaccini sono senza alcun dubbio lo strumento più potente che abbiamo attualmente a disposizione per ridurre la circolazione virale. A sua volta, una bassa circolazione virale, che andrebbe perseguita a livello globale, riduce sia i pericoli per i soggetti più fragili e/o non vaccinabili sia il rischio di emergenza di nuove varianti.

3. I vaccini a RNA hanno effetti collaterali minimi, e questo lo possiamo dire in modo molto forte dopo quasi 400 milioni di dosi somministrate negli USA solamente. La miocardite osservata in seguito a vaccini a mRNA è rara, tipicamente non grave e si risolve in pochi giorni; per questo il nostro CDC continua a raccomandare la vaccinazione di tutti i ragazzi sopra i 12 anni (e per questo io ho vaccinato i miei figli!), mentre attendiamo una raccomandazione definitiva per i bambini tra 5 ed 11 anni. Inoltre, non c'è nessuna base scientifica all'ipotesi che i vaccini a mRNA inducano mutazioni nel DNA della persona vaccinata.

4. La vaccinazione di massa è il modo migliore per uscire dalla "emergenza pandemica", cioè da quell'insieme di restrizioni delle attività umane, più o meno severe nei vari paesi, messe in atto in risposta alla pandemia (ed al sensazionalismo mediatico ad essa legato) pur in assenza di dati chiari di efficacia e con minima considerazione degli effetti collaterali. In particolare, la riduzione del carico ospedaliero da COVID (punto #1) è fondamentale per togliere ogni residuo razionale ad interventi di tipo chiusurista".






Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2021 alle 21:13 sul giornale del 28 settembre 2021 - 171 letture

In questo articolo si parla di attualità, vivere senigallia, giulia mancinelli, articolo





logoEV