Migliorano le condizioni del ricercatore perugino accoltellato a New York

1' di lettura 06/12/2021 - A breve sarà trasferito dalla terapia intensiva a un reparto ordinario e nei primi giorni della settimana potrebbe lasciare l'ospedale Mount Sinai Morningside", dove é stato ricoverato dopo l'aggressione e il ferimento. Lo ha ha detto il padre Corrado, radiologo in pensione dell'ospedale di Perugia.

Migliorano le condizioni di Roberto Malaspina, lo studente perugino di 27 anni ferito alla schiena e a un fianco a New York, dove si trova per motivi di studio. La famiglia del ricercatore in storia dell'arte, alla Columbia University per una borsa di studio di sei mesi, vorrebbe farlo tornare a casa almeno per la convalescenza. "Ma lui assolutamente non vuole, intende restare lì", ha spiegato il padre che è in costante contatto telefonico con il figlio e con il console italiano a New York.

"E' andata bene, ha rimarcato ancora Corrado Malaspina, e ringrazio Dio perché le cose potevano essere veramente molto peggiori. Mio figlio si è trovato nel posto sbagliato nel momento sbagliato". Roberto Malaspina non conosceva Davide Giri, il ricercatore piemontese accoltellato a morte mentre tornava a casa da una partita di calcio nell'Upper West Side di Manhattan. "Il mio pensiero, afferma ancora Corrado Malaspina , va al dramma di quel ragazzo e alla sua famiglia. Ad accumunarli era solo il fatto che entrambi sono italiani, hanno la pelle bianca e i capelli biondi".






Questo è un articolo pubblicato il 06-12-2021 alle 08:13 sul giornale del 06 dicembre 2021 - 137 letture

In questo articolo si parla di attualità, umbria, articolo, Danilo Bazzucchi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cylV





logoEV