SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Il capitano della nazionale indiana solidale al Tibet

1' di lettura
6128

campione indiano

Il capitano della nazionale indiana di calcio Bhaichung Buthia, buddista, in segno di solidarietà con il popolo tibetano e le loro sofferenze, non porterà la fiaccola olimpica.

La star, originario di uno stato, il Sikkim, situato tra Cina e Nepal, ha annunciato la sua clamorosa protesta con una lettera all\'Associazione Olimpica Indiana: \"Sono solidale con la causa tibetana. Ho molti amici buddisti nel Sikkim. Questo è il mio modo di essere accanto alla popolazione del Tibet e alla loro lotta\".


\"Penso che non sia giusto quel che sta accadendo in Tibet e, nel mio piccolo, voglio mostrare la mia solidarietà\", ha spiegato, sottolineando che la sua decisione è assolutamente personale\". La fiaccola olimpica arriverà inIndia il 17 aprile.


La rinuncia del capitano della nazionale di calcio è la prima risposta concreta all\'appello di un gruppo di esuli tibetani che aveva manifestato chiedendo ai tedofori di professare solidarietà cerso la loro causa, rinunciando a portare la torcia.



campione indiano

Questo è un articolo pubblicato il 02-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 aprile 2008 - 6128 letture