SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Genova: a 12 anni in coma per essersi sparato alla testa

2' di lettura
2366

ospedale

Al Gaslini di Genova, si trova ora ricoverato in coma il dodicenne che l’altra sera si è sparato alla testa.

Non è ancora chiaro se si è trattato di un incidente o di un gesto volontario, sta di fatto che il giovane, R.G., è stato trovato nella sua cameretta dalla madre in un lago di sangue.

La donna era appena tornata a casa con l’altro figlio più piccolo quando, non avendo risposte dal primo figlio rimasto a casa da solo, si è diretta nella sua stanza ed ha fatto la tragica scoperta. Il padre era anch’egli fuori casa per un corso di lavoro. Il proiettile, che ha colpito alla testa il piccolo, è stato sparato da una vecchia pistola della seconda guerra mondiale, custodita in casa.

Trasportato immediatamente all’ospedale, R.G. è stato operato d’urgenza dai medici che hanno dovuto eseguire un delicato intervento di tipo decompressivo per evitare edemi cerebrali. Ora, si trova in coma irreversibile e il primario del reparto di rianimazione, Pietro Tuo, non nasconde che le condizioni del dodicenne sono disperate. Bisognerà attendere 48 ore per avere dei risultati e per verificare l’eventuale evoluzione della situazione clinica ma, in ogni caso, i danni saranno irreversibili.

Intanto, i Carabinieri hanno avviato un’indagine e per potere effettuare i rilievi scientifici il sostituto procuratore, Massimo Terrile, ha sequestrato l’appartamento di Quarto, zona del levante genovese. Infatti, ci sono ancora tanti aspetti da chiarire sulla dinamica dei fatti, sulle cause del gesto e sui motivi che hanno spinto la madre, infermiera del Gaslini, a mentire in un primo momento sull’accaduto ed a pulire la cameretta.

Inoltre, gli inquirenti dovranno accertare in che luogo fosse custodita l’arma. Per il momento, non escludono nessuna ipotesi: né la fatalità né, peggiore, il tentato suicidio.



ospedale

Questo è un articolo pubblicato il 10-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 10 aprile 2008 - 2366 letture