SEI IN > VIVERE ITALIA > SPORT
articolo

Calcio: ritiro di lusso per la Nazionale

2' di lettura
2883

nazionale italiana di calcio

La Nazionale Italiana di Calcio, impegnata a Berna e Zurigo, alloggerà in un castello a Baden, a 700 chilometri di distanza.

La Federcalcio ha, infatti, scelto e requisito l’intero complesso del castello “lo Schlosse Hotel Weikersdoff” del 1200 e rinnovato ultimamente. E’ un tipico ritiro da Campioni del Mondo, un alloggio meritevole in cui c’è tutto: 77 suites di lusso (trecento euro a notte) per 60 persone, centro benessere, un parco meraviglioso, il Rosarium e saloni su saloni, che la Nazionale utilizzerà per i propri “comodi”.

In un salone metteranno la lavagna di Donadoni, in un altro il biliardo e la playstation, un altro verrà utilizzato per i massaggi e un altro ancora come magazzino. Inoltre, c’è la piscina chic, silenziosa, da relax e coperta; due o tre saune, altrettanti bagni turchi e piste da bowling.

Insomma, un grande albergo di lusso, circondato da tanto verde, in una cittadina tranquilla in cui le strade rimangono deserte già dalle cinque del pomeriggio. I dirigenti e l’allenatore avranno una suite con salotto e camera a due letti mentre i giocatori avranno ognuno una camera con letto grande ma senza salotto.

Naturalmente, pur essendo un posto da sogno, è sconcertante dover percorrere 700 chilometri per andare a giocare, ma Donadoni ha così deciso per non avere troppi tifosi al seguito durante gli allenamenti o il ritiro. C’è poi anche un altro motivo ed è quello più importante: l’Italia a Baden non paga nulla.

L’ospitalità della nostra Nazionale è a carico del Governo della Bassa Carinzia, e la consigliera regionale per lo sport, Petra Bohuslay, ha puntato sui Campioni del Mondo per promuovere la zona: e così sono stati spesi 300 mila euro per l’operazione degli azzurri.



nazionale italiana di calcio

Questo è un articolo pubblicato il 19-04-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 aprile 2008 - 2883 letture