SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Firenze, mediatori culturali sui bus

1' di lettura
2377

Da venerdì tredici mediatori sociali, undici senegalesi e due marocchini, affiancheranno i controllori Ataf sugli autobus di Firenze: verificheranno che i viaggiatori abbiano il biglietto e soprattutto faranno attività di mediazione culturale con gli utenti stranieri.

A Firenze l’integrazione si fa anche a bordo degli autobus. Parte venerdì un progetto sperimentale, il primo in Italia, che per due mesi vedrà impegnati sui bus dell’Ataf, l’azienda dei trasporti pubblici, 13 cittadini stranieri..

I mediatori stranieri svolgeranno un compito fondamentale a bordo dei bus: la loro presenza aiuterà il personale dell’azienda nell’informare i viaggiatori stranieri sulle regole che disciplinano il trasporto pubblico, superando quelle difficoltà di comunicazione che sono spesso alla base di incomprensioni e criticità.

L’iniziativa si aggiunge a un’altra simile, quella del progetto comunale \'Angeli Neri\', che vede impegnati, nel centro storico, cittadini senegalesi contro il commercio abusivo.


L\'assessore comunale alla sicurezza e alla vivibilità urbana, Graziano Cioni,da una valutazione complessiva dei due progetti:“Si tratta in ambedue i casi di progetti che, grazie al dialogo e alla mediazione, hanno l\'obiettivo di favorire una maggiore integrazione delle persone straniere che vivono nella nostra città”.



Questo è un articolo pubblicato il 01-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 01 agosto 2008 - 2377 letture