SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

XVII conferenza mondiale sull’Aids. 33 milioni di persone colpite dal virus

1' di lettura
3292

È iniziata domenica a Città del Messico e continuerà fino all’8 agosto  la XVII conferenza mondiale sull’Aids. Secondo l’agenzia delle Nazioni Unite che si occupa della malattia (l’Unaids), nel mondo sono più di 33 milioni le persone colpite dal virus Hiv. Il continente più flagellato dall’Aids è l’Africa.

Alla conferenza di Città del Messico parteciperanno 25.000 tra esperti e attivisti. Dopo anni di appelli perché fossero disponibili anche nel Sud del mondo i farmaci antivirali, ora gli esperti lanciano un appello: “è ora di mettere in atto una nuova strategia che punti, oltre che sulla disponibilità dei farmaci, anche su un\'organizzazione dei sistemi sanitari di ciascun Paese che riesca a coniugare terapia e prevenzione”.

La ricerca sarà un altro tema della conferenza. Il vaccino anti-Aids rimane la soluzione più efficace per sconfiggere una delle epidemie più devastanti degli ultimi anni.

Per Anthony Fauci, direttore del Niaid (l’Istituto statunitense per la ricerca sulle malattie infettive), la prevenzione è uno dei pilastri della lotta all’Aids. “Molti problemi di trasmissione dell\'epidemia di Hiv in Sudafrica come negli altri Paesi in via di sviluppo sono legati alla pratica della prostituzione e ai costumi sociali, c’è bisogno di campagne di prevenzione molto aggressive”.

La conferenza mondiale sarà inaugurata dal segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, da Margaret Chan direttore generale dell\'Organizzazione mondiale della sanità (Oms). Molta attesa anche il discorso di Peter Piot, direttore esecutivo dell’Unaids.




Questo è un articolo pubblicato il 04-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 agosto 2008 - 3292 letture