SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

A luglio, calo di malattie per i dipendenti della pubblica amministrazione

2' di lettura
2386

A luglio, tra i dipendenti della pubblica amministrazione, le assenze per malattia sono calate del 37,1% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Un calo pari a 25 mila persone in più al lavoro. Lo rende noto il ministero della Funzione Pubblica.

Diminuiscono quindi le assenze per malattia tra gli statali e di conseguenza aumentano i servizi e la qualità delle prestazioni da essi svolte. La variazione rappresenta quasi il doppio di quanto rilevato nel mese di giugno (-22,4%) e quattro volte quella di maggio (-10,9%), come spiegano dal ministero.

\"I risultati testimoniano la grande risposta positiva che l\'azione legislativa e di sensibilizzazione ha indotto sui comportamenti dei dipendenti pubblici, a dimostrazione degli ampi margini di recupero di efficienza e di produttivita\' che esistono all\'interno delle amministrazioni. I dati - aggiunge il ministero - testimoniano come non sempre le amministrazioni in cui il calo e\' piu\' sensibile sono quelle meno efficienti.

Anzi: spesso accade il contrario. L\'aumento della presenza dei dipendenti negli uffici pubblici (la stima e\' di oltre 25 mila persone in piu\') comporta piu\' servizi e piu\' qualita\' delle prestazioni offerte: meno code, maggiore reperibilita\', minori chiusure per carenza di personale, ecc. Il fenomeno rappresenta inoltre un passo necessario verso l\'auspicato recupero di produttivita\' del settore pubblico\".

E in previsione del futuro il ministero della Funzione Pubblica annuncia: \"Quanto al futuro, e\' necessario dare vita a un\'azione di ulteriore riduzione e di parallelo consolidamento dei risultati fin qui realizzati. Da un lato, serve definire una politica delle retribuzioni dei dipendenti pubblici che sia in grado di introdurre elementi di premialita\' collegati alla maggiore presenza, oltre che ai risultati ottenuti. Dall\'altro, saranno attuate misure capaci di dare voce ai cittadini misurando il loro grado di soddisfazione rispetto ai servizi resi disponibili dalla pubblica amministrazione\".



Questo è un articolo pubblicato il 08-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 08 agosto 2008 - 2386 letture