SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

India: estremisti indù bruciano un orfanotrofio, nel rogo muore una suora

1' di lettura
2895

Una suora sarebbe stata uccisa, un\'altra stuprata e un prete ferito: è il bilancio dell\'attacco compiuto da estremisti indù nel distretto di Bargarh nell\'India orientale. La suora e il prete sono stati chiusi nell\'orfanotrofio gestito da missionari cristiani che è stato poi dato alle fiamme. La religiosa sarebbe morta carbonizzata, ferito il sacerdote.

Le violenze sono scoppiate domenica mattina al grido di \"uccidete i cristiani e distruggete le loro istituzioni\" durante uno sciopero indetto dall\'organizzazione World Hindu Council per protestare contro l\'uccisione sabato del leader religioso indù Swami Laxanananda Saraswati.

La regione è caratterizzata da tensioni tra missionari cristiani che lavorano con le tribù più povere della regione ed estremisti indù. Anche alcune suore missionarie della Carità, l\'ordine fondato da Madre Teresa di Calcutta sono state aggredite a colpi di pietra e sono fuggite dal convento trovando rifugio in alcune scuole.

Gli indù che sono l\'84% della popolazione accusano i missionari di costringere le persone a convertirsi al cristianesimo. I cristiani, circa il 2.4% della popolazione ed i missionari negano di aver fatto alcuna pressione.


Questo è un articolo pubblicato il 26-08-2008 alle 01:01 sul giornale del 26 agosto 2008 - 2895 letture