Accordo Italia-Libia, risarcimenti per 5 miliardi di dollari

libia 1' di lettura 02/09/2008 - \"L\'accordo tra Italia e Libia - ha dichiarato il premier Silvio Berlusconi - mette fine a 40 anni di malintesi: c\'è un riconoscimento completo e morale dei danni inflitti alla Libia da parte dell\'Italia durante il periodo coloniale\".

L\'italia pagherà alla Libia, a titolo di risarcimento danni per il periodo coloniale 200 milioni di dollari all\'anno per i prossimi 25 anni sotto forma di investimenti in progetti infrastrutturali in Libia. Restituita alla Libia anche la \'Venere di Cirene\'. La statua fu portata in Italia nel 1913.

L\'Italia, in cambio, vuol diventare partner di riferimento della Libia in campo energetico-commerciale. L\'Eni è già al centro delle relazioni petrolifere.

Gli investimenti strutturali prevedono un\' autostrada costiera che attraversi tutta la Libia, dall\'Egitto alla Tunisia, la costruzione di alloggi nel Paese nordafricano, borse di studio per studenti libici e pensioni di invalidità per quei mutilati vittime delle mine anti-uomo poste dall\'Italia su territorio libico durante il periodo coloniale.

Italia e Libia combatteranno insieme contro l\'immigrazione clandestina. con un pattugliamento congiunto delle coste libiche dalle quali salpano fiumi di migranti verso Lampedusa. Un accordo simile era già stato siglato nel 2007, ma molti accusano il regime libico di Muammar Gheddafidi non averlo mantenuto e di aver utilizzato i migranti come arma di ricatto per giungere aquesto accordo.





Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 01 settembre 2008 - 2527 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, politica, immigrazione, libia, silvio berluscono, Muammar Gheddafi





logoEV