SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Veltroni a Fini: “Diritto di voto agli immigrati”

1' di lettura
4949

Gianfranco Fini ne parlò quando era vicepremier nel 2003, suscitando non poche polemiche all’interno del suo partito. Ora Walter Veltroni prende carta e penna, e ricordando esplicitamente quella presa di posizione, rilancia la proposta che anche gli immigrati votino per eleggere sindaci e presidenti di Provincia e Regione.

Nella lettera Veltroni avanza proposte concrete a Fini: “Nei prossimi giorni sarò primo firmatario di una proposta di legge costituzionale. E le chiedo fin d\'ora, con questa mia lettera, di adoperarsi per consentire la sua più ampia discussione da parte della Camera dei deputati e di accelerarne quanto più possibile l\'iter”.

Veltroni ribadisce nello scritto la necessità del diritto di voto agli immigrati nelle amministrative, e quello a essere eletti nelle istituzioni locali, visti come strumenti utili alla ricerca e promozione dell\'integrazione.

Così scrive il leader del Pd: “Il diritto di voto, la partecipazione, sono un vincolo, un\'ulteriore assunzione di responsabilità verso la comunità in cui si vive, e insieme uno strumento di integrazione e di condivisione di un comune patrimonio di valori civili”.

Le reazioni non si fanno attendere. Luca Vilontè dell’Udc così commenta: “Senza la cittadinanza, più seria nei tempi e nelle prove da superare, non è ragionevole immaginare di concedere il diritto di voto”. Una “proposta fuori dal mondo” per il leghista Luciano Dussin.


Sulla stessa linea Maurizio Gasparri: “La Costituzione non si cambia, la solidarietà agli immigrati in Italia è forte”. Ma reazioni negative arrivano anche dall’Italia dei Valori, Antonio di Pietro gela l\'iniziativa di Veltroni: “Non si metta a fare annunci anzi tempo e fuori tempo”.




Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 02 settembre 2008 - 4949 letture