Arriva Google Chrome, il web diventa più semplice

2' di lettura 04/09/2008 -

E\' disponibile per il download il nuovo browser targato Google. Si tratta di Google Chrome, un prodotto innovativo che semplifica la navigazione web, togliendo tanti orpelli poco utilizzati che gli altri browser si portano dietro sin dalle prime versioni e aggiunge poche funzioni, semplici e molto utili.



La prima impressione che si ha aprendo Chrome è di leggerezza e semplicità. Tanti elementi grafici a cui siamo abituati, come la casella di ricerca, l\'icona home, il titolo stesso della pagina, i menù, mancano comletamente, e lasciano più spazio a quello che ci interessa davvero: le pagine web. Ma se lo spazio non basta ancora si può prendere una applicazione web, come ad esempio Gmail, ed utilizzarla separatamente, come se fosse un normale programma istallato sul nostro PC. L\'effetto, per chi fa un uso massiccio di applicazioni web, è davvero notevole.


Le nuove funzioni di Google Chrome sono spiegate, ciascuna con un semplice video di circa 20 secondi a questa pagina: http://tools.google.com/chrome/intl/it/features.html.
Tra le tante la possibilità di navigare \"in incognito\" senza lasciare traccie sul browser e la possibilità di bloccare una singola scheda senza per forza dover chiudere tutto il programma.


Unica pecca la mancanza di una versione per Linux e Mac.


La mossa di Google di lanciare un proprio browser si inserisce nella guerra tra Google e Microsoft per il controllo della pubblicità web. Le ricerche fatte, in automatico, con MS Internet Explorer, il browser che detiene il 70% del mercato, visualizzano i risultati del motore di ricerca Live di Microsoft, penalizzando Google. Da qui l\'esigenza, per Google, prima di allearsi con il browser opensource Firefox, poi di lanciare il proprio browser.


Google Chrome è un progetto Opensource, qualsiasi programmatore può modificarlo liberamente. Coerentemente con lo spirito Opensource nelle note di rilascio si legge: \"Siamo profondamente debitori nei confronti di diversi progetti open source ed è nostra intenzione proseguire sulla strada da loro intrapresa. Tra gli altri, ci siamo avvalsi di componenti di WebKit di Apple e Mozilla Firefox e, coerentemente con quello spirito, abbiamo deciso di rendere il nostro codice completamente open source. Ci auguriamo che la collaborazione con l\'intera community sia uno stimolo per l\'evoluzione del Web\".


Nelle immagini l\'hompage di Vivere Italia con Chrome, Firefox, Ie, Opera e Safari.








Questo è un articolo pubblicato il 04-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 03 settembre 2008 - 5116 letture

In questo articolo si parla di cultura, michele pinto, internet, opera, firefox, Apple, google, chrome, internet explorer, safari





logoEV