Secondo trimestre 2008, Pil -0,2%: primo calo dall\'intoduzione dell\'Euro

euro 1' di lettura 04/09/2008 - Primo calo del prodotto interno lordo dall’introduzione della moneta unica. Nel secondo trimestre 2008 il Pil ha registrato una riduzione dello 0,2% nell’area euro e dello 0,1% nell’insieme dell’Unione Europea su base congiunturale. Lo rende noto Eurostat che conferma così la stima flash di agosto.

Le rilevazioni definitive di Eurostat confermano la stima flash di agosto, registrando una contrazione dello 0,2% del Pil di Eurolandia rispetto ai primi tre mesi dell’anno in cui l’economia era cresciuta dello 0,7%.

Inoltre, la crescita del prodotto interno lordo frena anche su base annua che, rispetto allo stesso trimestre del 2007, passa dal 2,1% all’1,4% per l’Eurozona e dal 2,3% all’1,6% per l’Ue. Questa è la prima volta che il Pil registra un calo dall’introduzione della moneta unica. Infatti, fino ad oggi, il dato peggiore risaliva al secondo trimestre 2003 quando la crescita era stata nulla.

E l’Italia non sfugge a questa situazione negativa: su base congiunturale (da aprile a giugno) ha fatto registrare un calo dello 0,3%, successivo ad un incremento dello 0,5%, mentre su base annua rimane ferma a zero dal +0,3% del trimestre precedente.

A frenare la crescita del Pil in Europa sono la spesa della famiglia, scesa dello 0,2% nell’area euro e dello 0,1% nell’Ue; gli investimenti e le esportazioni. Tutti elementi in forte diminuzione.






Questo è un articolo pubblicato il 04-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 04 settembre 2008 - 2925 letture

In questo articolo si parla di economia, Sudani Alice, italia, secondo trimestre 2008, Prodotto interno lordo, eurostat





logoEV