Federalismo fiscale: pronto il ddl

1' di lettura 05/09/2008 -

Il ministro delle Semplificazioni Roberto Calderoli, ha presentato giovedì mattina ai rappresentanti di Upi e Anci, alcune delle nuove misure contenute nella bozza sul federalismo fiscale. Tra queste, le imposte sugli immobili per i comuni e un tributo sulla circolazione delle auto per le Province.



Le province italiane avranno una tassa propria che riguarderà la circolazione, senza escludere una accisa cui carburanti. E\' questa una delle novità contenute nel testo aggiornato del disegno di legge sul federalismo fiscale che il ministro per la semplificazione legislativa, Roberto Calderoli ha presentato ai rappresentanti dell\'Upi, l\'Unione delle province italiane.

Tra le novità anche la possibilità per le province di una tassa di scopo; il testo prevede questo tipo di tributo anche per i Comuni per gli investimenti, e in particolare una tassa di scopo sul turismo. Resta aperto però il problema della finanza derivata regionale.

È prevista anche la razionalizzazione dell\'imposizione fiscale immobiliare, compresa quella sui trasferimenti della proprietà e di altri diritti reali, per riconoscere autonomia ai Comuni e alle città metropolitane. Tali fondi serviranno anche per la realizzazione di opere pubbliche e a finanziare oneri derivanti da eventi particolari quali flussi turistici e mobilità urbana.

Sono previsti inoltre finanziamenti per le funzioni delle città metropolitane (articolo 12 del testo) per i comuni capoluogo con più di 350mila abitanti.






Questo è un articolo pubblicato il 05-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 05 settembre 2008 - 3271 letture

In questo articolo si parla di politica, giulia angeletti, Comuni, province, federalismo, regioni





logoEV