Milano: grazie alle compagnie straniere Malpensa non rimpiange Alitalia

1' di lettura 06/09/2008 - \"La Regione Lombardia non chiederà di entrare nel capitale di Alitalia - lo ha dichiarato il presidente della Regione Lombardia, Roberto Formigoni, criticando la proposta del suo collega del Lazio Marrazzo - su Malpensa diverse compagnie straniere vogliono investire, questa libertà dovrà essere garantita\'\'.

Nemmeno a Letizia Moratti, sindaco di Milano il piano per Alitalia piace: \"Spero che venga cambiato. Ridimensionare Linate sarebbe accettabile solo se Malpensa fosse un hub mentre nel piano Alitalia non è previsto nessun aeroporto come hub, ma l\'hub di Malpensa è strategico per lo sviluppo del Paese\".


Malpensa ha comunque già recuperato il 10% dei passeggeri persi con la riduzione dei voli di Alitalia di qualche mese fa. Rispetto ad un anno fa gli imbarchi di Alitalia sono calati dell´82,4%, le altre compagnie di linea invece guadagnano il 35%.


Il presidente della Provincia di Milano Filippo Penati infatti chiede: \"SEA deve essere libera di trovare altri vettori. Malpensa deve tornare a essere un grande aeroporto intercontinentale. Con la nuova Alitalia non lo sarà mai e in più si chiuderebbe Linate\".






Questo è un articolo pubblicato il 06-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 settembre 2008 - 3122 letture

In questo articolo si parla di economia, alitalia, milano, Elisa Balducci, Letizia Moratti, Roberto Formigoni, Filippo Penati, malpensa, lombardia, aerei





logoEV