Fallisce Lehman Brothers, le borse mondiali crollano

economia 1' di lettura 16/09/2008 - Dopo l\'abbandono del tavolo delle trattative da parte di Bank of America e Barclays Lehman Brothers ha dichiarare bancarotta, schiacciata da 613 miliardi di dollari di debiti causati dalla crisi dei mutui subprime.

Lehman Brothers chiude dopo un secolo e mezzo di storia. Destino diverso per Merrill Lynch, anch\'essa in crisi per i mutui subprime, ma salvata da Bank of America con 50 miliardi di dollari.

La notizia del crack ha mandato in panico gli operatori delle borse di tutto il mondo che hanno iniziato a vendere, causando un fortissimo calo in praticamente tutte le piazze.Gli effetti si sono fatti sentire anche sul dollaro che, dopo settimane di graduale e continua ascesa, ha nuovamente perso terreno rispetto all\'euro il quale è arrivato di nuovo sopra 1,43 dollari.

Per tranquillizzare i mercati – dopo il crack di Lehman - la Federal Reserve di Ben Bernanke aveva giocato d\'anticipo garantendo liquidità al mercato, con regole meno stringenti.

Anche il presidente degli Stati Uniti George W. Bush ha cercato di gettare acqua sul fuoco: \"L\'amministrazione sta facendo ogni sforzo per cercare di limitare l\'impatto della crisi. Abbiamo comunque fiducia nella tenuta dei mercati finanziari e nella loro capacita\' di rispondere alla crisi in atto\".





Questo è un articolo pubblicato il 16-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 16 settembre 2008 - 2306 letture

In questo articolo si parla di michele pinto, economia, borsa, George W. Bush, mutui subprime





logoEV