Tatuaggi e piercing causa di epatite C, due casi su dieci

tatuaggio e piercing 2' di lettura 19/09/2008 - Il rischio di contrarre il virus dell’epatite C aumenta con la moda: due casi su dieci sono causati dai tatuaggi. A lanciare l’allarme è stato il professor Antonio Craxi, direttore dell’unità operativa di gastroenterologia dell’Università di Palermo, in una conferenza sull’ epatiti a Roma.

Il virus dell’epatite C arriva anche dalle boccette d’inchiostro usate per i tatuaggi che messe a contatto con gli aghi, non sempre sostituiti per ciascuna seduta, sono la causa di due casi su dieci. Infatti, tatuaggi e piercing sono responsabili del 20% dei casi acuti di epatiti C, che si trasmette con il contatto ematico.

A lanciare l’allarme è il professor Antonio Craxi, direttore dell’unità operativa di gastroenterologia dell’Università di Palermo. \"Oggi – spiega Craxi - noi specialisti difficilmente diagnostichiamo epatiti C legate a trasfusione, come è accaduto in passato. Sono invece più frequenti i casi di infezione dovuti a tatuaggi, piercing o procedure mediche.

Le conseguenze possono essere molto gravi: su 100 infezioni acute da epatite C, il 50% diventa cronico. E di questi, il 10% evolverà in cirrosi, con conseguenze letali per almeno 6 o 7 casi\".

Poi a termine del proprio intervento alla conferenza sulle epatiti, tenutosi a Roma, il professore si è raccomandato con professionisti ed appassionati di tatoo a fare molta attenzione. Inoltre, il direttore ha tenuto a precisare che con tatuaggi e piercing è meno probabile contrarre l’epatite B ma non è escluso il rischio.

Questo perché il contagio dell’epatite B, nel 70% dei casi, è a trasmissione sessuale. Ma ad ogni modo è bene fare attenzione poiché è un virus particolarmente resistente, in grado di sopravvivere a lungo nelle boccette d’inchiostro utilizzate dai tatuatori.






Questo è un articolo pubblicato il 19-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 19 settembre 2008 - 8612 letture

In questo articolo si parla di attualità, Sudani Alice, tatuaggio e piercing, epatite C, epatite B, antonio craxi, unità operativa di gastroenterologia dell\'università di Palermo





logoEV