L’Osservatore Romano contro le politiche sull’immigrazione

1' di lettura 27/09/2008 - Parole dure dell\'Osservatore Romano contro il giro di vite adottato dal governo sui ricongiungimenti degli immigrati e i richiedenti asilo. Il quotidiano inoltre attacca anche le politiche europee che prevedono restrizioni e barriere all\'immigrazione, contenute nel piano che sarà all\'esame del prossimo Vertice europeo di ottobre.

Dura presa di posizione dell\'Osservatore Romano alle nuove misure adottate dal Governo Berlusconi sull\'immigrazione:dal mondo politico, arrivano segnali che alimentano un clima di paura e di intolleranza, tanto che nella dimensione locale del vivere si accentuano tendenze di chiusura autarchica e di arroccamento sociale”.

L’editoriale, che porta la firma del direttore della Caritas Italiana, mons. Vittorio Nozza, prosegue: Tolleranza zero contro gli irregolari, ma con eccezioni in base alle nostre convenienze. Tendenze che non meravigliano in questo primo segmento del terzo millennio in cui c\'è sempre meno memoria e scarsa speranza. In cui la vita è sempre più usa e getta, più che curata e vissuta. Con i deboli e i poveri costretti a pagare due volte”.

È urgente una rinnovata tensione e azione pedagogica. In quest\'ottica deve essere chiaro che quando la Chiesa predica i valori di rispetto della dignità, solidarietà, condivisione tra i popoli, di incontro tra le culture e le religioni non fa battaglie politiche ma precisa solo i presupposti sui quali la politica deve costruire. Si tratta di un contributo morale, culturale, di esperienza, di disponibilità del quale, a nostro avviso, la politica ha bisogno”.






Questo è un articolo pubblicato il 27-09-2008 alle 01:01 sul giornale del 27 settembre 2008 - 3286 letture

In questo articolo si parla di chiesa, attualità, giulia angeletti, immigrazione, osservatorio romano





logoEV