SEI IN > VIVERE ITALIA >

Caro Benzina: Critacalà ha la soluzione, benzina nei supermercati

1' di lettura
2304

Oramai la domanda se la sono posta tutti: cala il costo del greggio ma la benzina no. Perchè? La risposta la dà il Garante della concorrenza e del mercato Antonio Catricalà che propone anche una soluzione, per certi versi drastica. Ecco quale.
Incremento del self service, riduzione strutturale dei prezzi alla pompa e sopratttto apertura agli ipermercati: una vera e propria ricetta per ridurre i prezzi del carburante. Secondo Criticalà infatti il divario di 5 centesimi fra il costo della benzina in Italia rispetto all\'Europa è oramai inaccettabile e in occasione dell\'audizione in commissione Industria al Senato sulla dinamica dei prezzi della filiera dei prodotti petroliferi sottolinea la sua posizione.

Innanzitutto più self service. Rispetto a Germania e Francia che hanno quasi il 100% degli impianti con il servizio \"fai da te\", il bel paese arriva a malapena al 29%. Una situazione che va sommata alla mal distrubuzione dei nostri impianti, troppi e poco efficienti. Il Garante della concorrenza spiega che i grandi impianti di erogazione stranieri lavorano quasi cinque volte in più di quelli italiani proprio perchè meglio distribuiti.

Ma allo stesso tempo Critcalà auspica una maggiore concorrenza nel settore. Secodo il Garante infatti l\'idea di dare la possibilità anche a supermercati e ipermercati di entrare nel business della distribuzione di benzina non può far altro che giovare al mercato e ai prezzi. In una situazione del genere il carburante diventerebbe un bene \"civetta\" che incentiva il lavoro \"normale\" dei supermercati. Esperienza già consolidata all\'estero dove una buona fetta dei guadagni delle grandi reti di distribuzione deriva proprio da beni \"non oil\".


Questo è un articolo pubblicato il 06-11-2008 alle 01:01 sul giornale del 06 novembre 2008 - 2304 letture