SEI IN > VIVERE ITALIA > ECONOMIA
articolo

I conti pubblici italiani chiudono in \'rosso\' il 2008

2' di lettura
2645

Il fabbisogno del settore statale, che misura il saldo di cassa tra le entrate e le uscite del 2008, chiude il 2008 a 52,9 miliardi dai 29,5 miliardi segnati a fine 2007.Balzo elevato che segna una situazione critica dei conti pubblici.

Il \'rosso\' dei conti pubblici, pari a 52,9 miliardi con cui chiude il 2008, segna un risultato finale (+79,3%) nettamente superiore a quello dell\'anno precedente (29,5 miliardi). Risultato finale peggiore anche delle previsioni, che a settembre il Governo aveva indicato a 45,2 miliardi nella Relazione Previsionale e Programmatica, e che non era così negativo dal 2005.

Chiusura, dunque, in salita per il fabbisogno statale che, secondo il ministro dell\'Economia Tremonti, registra l\'effetto della crisi e delle necessarie politiche anticicliche.E, ad appesantire i conti, che tuttavia sono in linea con gli impegni assunti in Europa dalla Repubblica italiana, è stato anche il mese di dicembre.

Mese che, come sottolinea il ministro Tremonti, tradizionalmente registra un \'\'avanzo\'\' perche\' contabilizza i versamenti del secondo acconto delle dichiarazioni fiscali. L\'avanzo del dicembre 2008 e\', al lumicino, solo 2,9 miliardi che si confrontano con i circa 15 miliardi che avevano invece alleviato i conti di fine 2007, consentendo anche di invertire il trend del rapporto debito-pil, ridotto dal 106,9% del 2006 al 104,1% del 2007.

Quindi - spiega il ministro dell\'Economia - \"la crisi non ha favorito i conti del 2008 influenzati dalla \"combinazione tra ciclo economico negativo e politiche anticicliche mirate a lasciare e/o immettere liquidita\' nel sistema\".

Il fabbisogno annuo del settore statale del 2008 si è attestato a 52.900 milioni di euro, chiudendo così in \'rosso\' ma questo dato non deve essere automaticamente considerato un brutto segnale per il 2009. A sostenerlo è il consigliere economico del governo ombra, Stefano Fassina.



Questo è un articolo pubblicato il 04-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 03 gennaio 2009 - 2645 letture