SEI IN > VIVERE ITALIA > ECONOMIA
articolo

Debito pubblico italiano: nuovo record ad ottobre 2008, 1670,6 miliardi

2' di lettura
3017

Ad ottobre, il debito pubblico italiano ha registrato un nuovo record: 1670,6 miliardi. Ad annunciarlo è il Bollettino Statistico di Bankitalia.

Dopo la contrazione registrata a settembre (1648,6 miliardi), ad ottobre il debito pubblico italiano ha segnato un nuovo record, raggiungendo i 1670,6 miliardi contro i 1666,6 miliardi del precedente record raggiunto ad agosto. Lo rende noto il Bollettino Statistico di Bankitalia che, nel Supplemento, sottolinea il calo, su base annua, del debito delle amministrazioni locali. Ad ottobre 2008, infatti, secondo i dati di Bankitalia, si è attestato a 109,4 miliardi rispetto ai 111,8 di ottobre 2007 con un calo del -2,4 miliardi. Invece, in lieve aumento rispetto a settembre 2008 quando il debito era fermo a 108,2 miliardi (+1,2 miliardi).

Il dato annuo dipende dal calo che si registra per Regioni e province autonome: 42,3 miliardi contro i 45,9 miliardi di ottobre 2007 (-3,6 miliardi). Mentre risulta in crescita contenuta il debito delle Province (da 8,7 miliardi di ottobre 2007 a 8,9 miliardi) e più forte è l\'aumento registrato dai Comuni: da 46,8 a 48,5 miliardi. Su base mensile si registra una sostanziale stabilità del debito per Regioni e province autonome (da 42,312 miliardi di settembre a 42,384 di ottobre); per le Province (da 8,915 a 8,995) e i Comuni (da 48,319 a 48,575) ma cresce il debito alla voce \"altri enti\" (da 8,6 a 9,4 miliardi).

Nel 2008, anno in cui sono cresciute le entrate tributarie, quindi, il debito pubblico ha raggiunto il maggiore record, attestandosi a 1670,6 miliardi. Periodo di crescita delle entrate tributarie che, difatti, nei primi 11 mesi dell\'anno appena terminato si sono attestate a 344 miliardi. Nello stesso periodo (gennaio - novembre) del 2007, le entrate tributarie erano ai 334,1 miliardi. Così,nel 2008 segnano un 2,8% in più rispetto al 2007.



Questo è un articolo pubblicato il 14-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 13 gennaio 2009 - 3017 letture