SEI IN > VIVERE ITALIA > ECONOMIA
articolo

Ue negativa sul Pil: -2% nel 2009 con aumento della disoccupazione

2' di lettura
2735

economia
La crisi finanziaria ed economica che ha investito l\'Italia nel 2008, ponendola in netta recessione, si riperquoterà nel 2009. Questa la nuova previsione di Eurostat che concorda con le ultime stime di Bankitalia.

La Commissione Europea ha rivisto ieri radicalmente al ribasso le previsioni di Novembre, nelle quali stimava una crescita dell\'economia europea, con un Pil dell\'eurozona in calo di appena lo 0,1% nel 2009.Anno, invece, in cui, secondo le nuove stime di Bruxelles, il Pil scenderà drasticamente a quota -2%. Una boccata d\'ossigeno ci sarà nel 2010 quando, a politiche immutate, la crescita dovrebbe tornare di segno positivo e pari allo 0,3%, mentre nel 2007 era ancora all\'1,5% ed a fine 2008, secondo le stime, al -0,6%.


In calo anche l\'inflazione che dal 3,5% del 2008 (secondo le stime) scende all\'1,2% del 2009, per tornare poi nel 2010 al 2,2%. In ogni caso, le stime della Commissione Europea si riferiscono a politiche immutate. Stesso principio alla base anche delle previsioni del debito pubblico. Il debito pubblico, in rapporto al Pil, passa dal 105,7% precedentemente previsto per quest\'anno con cui ha chiuso il 2008, al 109,3% mentre nel 2010 dovrebbe salire ancora al 110,3%.


Nel 2009, quindi, \"la posizione competitiva dell\'Italia non migliorerà e la perdita di posti di lavoro è attesa in aumento, con un significativo incremento del tasso di disoccupazione\". Il numero delle persone senza lavoro, infatti, secondo le stime rese note ieri da Bruxelles, nei 16 Paesi di Eurolandia salirà dal 7,5% del 2008 al 9,3% del 2009, per portarsi al 10,2% nel 2010. Notevole aumento anche nell\'insieme dell\'Unione Europea, dove nel 2008 il tasso di disoccupazione si è attestato a quota 7%. Nell\'insieme dei 27 la disoccupazione passerà nel 2009 all\'8,7% continuando a crescere fino al 9,5% del 2010.


Queste dunque le nuove stime della Commissione Europea, riunitasi ieri a Bruxelles, che concordano con le previsioni di Bankitalia e che mostrano una situazione nera per l\'economia europea, destinata a non migliorare almeno per quest\'anno.



economia

Questo è un articolo pubblicato il 21-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 20 gennaio 2009 - 2735 letture