SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Cina: scandalo del latte alla melamina, condannati a morte

2' di lettura
3314

neonato
Dopo lo scandalo del latte contraffatto alla melamina che ha causato il decesso di almeno sei neonati e la malattia di 300.000, la Cina ha preso seri provvedimenti nei confronti dei presunti colpevoli. La condanna a morte.

Latte contraffatto alla melamina, una sostanza tossica che aggiunta al latte ne faceva apparire falsamente alto il contenuto proteico, è stata la causa dello scandalo che ha travolto la Cina in questi mesi. Uno scandalo, esploso a settembre dalla denuncia dell\'imppresa neozelandese Fonterra, socia della Sanlu, che, per aver causato almeno sei morti di neonati e 300.000 ne ha fatti ammalare, ha visto affliggere condanne pesanti ai responsabili.


Il tribunale di Shijiazhuang, infatti, nel nord della Cina ha condannato a morte i due responsabili della contraffazione e inflitto anni di carcere agli altri imputati, coinvolti nello scandalo. Carcere da scontare con pene da cinque anni all\'ergastolo. Quest\'ultimo toccato tra gli altri a Tian Wenhua di 66 anni, nota imprenditrice cinese ma soprattutto ex-presidente dell\'impresa Sanlu, responsabile dello scandalo.


Le due condanne a morte sono toccate a Zhang Yujun, produttore e commerciante di melamina (sostanza usata per la produzione di colla che può provocare gravi danni al fegato e ai reni), e a Geng Jinping, accusato di aver venduto alla Sanlu latte già contaminato. Il carcere invece è stato inflitto ai dirigenti dell\'azienda coinvolta nello scandalo, che ha tentato di rimediare offrendo alle famiglie delle vittime un risarcimento di 22mila euro, e ai produttori di Melamina.


Il risarcimento, però, è stato accettato soltanto da una famiglia così la Sanlu e i responsabili dello scandalo si sono dovuti presentare davanti al tribunale di Shijiazhuang. Tribunale che ha emesso le proprie sentenze condannando i colpevoli alla morte, al carcere più o meno duraturo e alle proprie responsabilità.



neonato

Questo è un articolo pubblicato il 24-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 23 gennaio 2009 - 3314 letture