SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

L\'ex giocatore Gascoigne sottoposto a disintossicazione, krioterapia

1' di lettura
2467

paul gascoigne
L\'ex calciatore inglese, Paul John Gascoigne (detto Gazza) verrà posto a -135 gradi per combattere l\'alcolismo.

Il noto centrocampista inglese, che ha anche militato per diversi anni in diversi club professionistici dei massimi campionati italiano, scozzese e cinese, fuoriclasse della nazionale inglese da anni è entrato nel tunnel dell\'alcolismo. Alcolismo che verrà combattuto, spiega il quotidiano Daily Star, attraverso sedute di krioterapia. Paul Gascoigne, verrà quindi rinchiuso in una cella frigorifera a -135 gradi per circa tre minuti. Tempo necessario al sangue per concentrarsi al centro del corpo e stimolare quindi le difese naturali.Questo tipo di trattamento viene applicato anche per sconfiggere malattie come l\'osteoporosi, o disturbi come stress e depressione.


La decisione di sottoporre Gascoigne alla krioterapia, sottolinea il Daily Star, da parte dei medici della \'Sporting Chance Clinic, che si occupano di lui, deriva dalla volontà di non lasciare niente al caso e tentare l\'impossibile per migliorare le condizioni di vita del noto giocatore. Giocatore, considerato uno dei più talentuosi calciatori della sua generazione, che però non è mai arrivato al massimo delle proprie possibilità a causa di numerosi infortuni, ma soprattutto, dei suoi problemi di alcolismo accompagnati ai disturbi psichici che ne conseguono. E che con gli anni si sono aggravati, fino a ridurlo in fin di vita.


Ora le sue condizioni sembrano migliorate grazie alle cure ricevute alla \'Sporting Chance Clinic\' ma per completare il lavoro e avere ottimi risultati l\'ex fuoriclasse dovrà compiere l\'ennesimo tentativo. Ultima prova per fuggire la depressione causata dalla dipendenza di alcol e droghe è, appunto, la krioterapia. Il costo della cura è salatissimo e si aggira attorno ai 158 mila euro.



paul gascoigne

Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 28 gennaio 2009 - 2467 letture