SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Novità della scuola: la Gelmini non trova l\'appoggio di studenti e genitori

2' di lettura
2290

studenti
Continuano le novità 2009-2010 della scuola: dopo l\'annuncio delle materie d\'esame su Youtube e i voti-assenze ai genitori via mail e sms, arriva anche il voto in condotta che fa media.

Dopo l\'annuncio del ministro dell\'Istruzione, Maria Stella Gelmini, delle materie della seconda prova dell\'esame di maturità 2009 attraverso il proprio canale di Youtube, l\'altro giorno il ministro della Pubblica Amministrazione, Renato Brunetta,con l\'appoggio della Gelmini ha ribadito l\'intenzione annunciata lo scorso maggio. Entro un anno le famiglie italiane che lo richiederanno potranno ricevere un sms dalla scuola per sapere le assenze dei figli. Inoltre, la maggioranza delle famiglie potranno consultare on line la pagella del proprio figlio. Ovviamente, ciascun genitore potrà vedere soltanto la scheda scolastica del proprio figlio, per rispettare la privacy, sottolinea il ministro dell\'Istruzione.


\"Le scuole - ha sottolineato - hanno il dovere di comunicare alle famiglie l\'andamento scolastico dei loro figli, oltre che negli incontri scuola-famiglia, anche attraverso un contatto quotidiano affidato sempre più spesso alle nuove tecnologie. In molte scuole italiane - fa notare la Gelmini - le pagelle, le assenze, il profitto scolastico, la valutazione del comportamento degli alunni vengono comunicate ai genitori via sms o via e-mail\". \"Si tratta di esperienze fruttuose che avvicinano la scuola alla famiglia e che, proprio per i risultati eccellenti ottenuti, insieme al ministro Brunetta - conclude - abbiamo intenzione di estendere a tutte le scuole italiane\".


E mentre le innovazioni esaltano e convincono i ministri di Governo, genitori e studenti contrariati esprimono il loro parere, cercando di far cambiare idea al Governo. Ma le iniziative non terminano ancora. La Gelmini ha annunciato anche un\'altra novità, o meglio, il ritorno al passato. Il voto in condotta torna così a far media con i voti delle altre materie. Questo perchè - ha dichiarato il ministro dell\'Istruzione al Gt ragazzi - \"sappiamo che l\'aumento degli episodi di bullismo preoccupa molto genitori e insegnanti\". Quindi, ha concluso la Gelmini \"si torna ad una scuola del rigore che fa del comportamento un elemento significativo per formare la personalità dei ragazzi\".


Ragazzi che, come prevedibile, non gioiscono e discutono tutto su internet. In rete vince, difatto, l\'opinione comune che \"sbaglia chi pensa che così si possa in qualche modo affrontare la questione della dispersione scolastica, purtroppo in aumento. Se c\'é tanta dispersione forse è perché le stesse famiglie non sono davvero interessate a mandare i figli a scuola e dunque il problema non si risolve certo con un sms. Altri sono gli strumenti che dovrebbero essere messi in campo per arginare questo preoccupante fenomeno\".



studenti

Questo è un articolo pubblicato il 29-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 28 gennaio 2009 - 2290 letture