SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Crisi automobilistica: nel 2009 a rischio 300 mila posti di lavoro

1' di lettura
3246

automobili
Nel 2009 nell\'intera filiera auto, a causa della crisi di settore, sono a rischio 300 mila posti di lavoro.

A partire dagli operai per poi salire di grado, nel 2009 sono a rischio 300 mila posti di lavoro nell\'intera filiera auto che conta circa un milione di posti lavoro, a causa della crisi di settore. A lanciare l\'allarme è la presidente di Confindustria, Emma Marcegaglia.


Nel primo trimestre e\' previsto un calo degli ordinativi del 60%, e se fosse confermata questa stima si perderebbero 60.000 posti in Fiat e 300.000 in totale nel settore, compreso l\'indotto. A tal proposito, Confindustria propone quindi al Governo di aprire due diversi tavoli: uno sul sostegno del settore e l\'altro sugli ecoincentivi.


All\'allarme lanciato dalla Marcegaglia ha risposto il ministro dello Sviluppo economico, Claudio Scajola, che ha assicurato alla presidente di Confindustria un pacchetto con gli interventi a favore del settore auto entro 10 giorni.


Il pacchetto sarà orientato verso misure per il rinnovo del parco circolante e colllegato ad obiettivi di compatibilità ambientale. Inoltre, spiega Scajola, sarà assicurato il sostegno alla ricerca per nuovi prodotti meno inquinanti. Il governo, infine, avrebbe anche assicurato il suo impegno sui livelli occupazionali.



automobili

Questo è un articolo pubblicato il 30-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 29 gennaio 2009 - 3246 letture