SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Smog: lettera di diffida all\'Italia, ultima possibilità

1' di lettura
2730

inquinamento
L\'Italia, nel mirino europeo per inquinamento, ha ricevuto una lettera di diffida da Bruxelles.

La guerra all\'inquinamento è, ormai, per le ripercussioni sulla salute e per il suo impatto socio-economico, un obiettivo trasversale nelle politiche europee. Politiche finalizzate a migliorare la qualità dell\'aria in Europa ma con scarsi risultati. Così, a causa delle particelle inquinanti (PM10), emesse dagli impianti industriali, dal traffico, dal riscaldamento domestico, Bruxelles non ha esitato a lanciare una raffica di procedure di infrazione in campo ambientale a 16 paesi europei.


Nel mirino dell\'Unione Europea, però, è finita l\'Italia che ha ricevuto immediatamente una lettera di diffida. Diffida per non aver rispettato ancora i limiti in vigore dal 2005 sulla presenza e sullo smaltimento delle particelle sottili nell\'aria, responsabili dello smog. Smog che crea danni alla salute, provocando asma, problemi cardiovascolari, cancro al polmone e morte prematura.


Questo secondo richiamo quindi per l\'Italia è l\'ultima possibilità per adeguarsi alle norme in breve tempo, altrimenti finirà a giudizio della Corte Europea.



inquinamento

Questo è un articolo pubblicato il 31-01-2009 alle 01:01 sul giornale del 30 gennaio 2009 - 2730 letture