SEI IN > VIVERE ITALIA > SPORT
articolo

Assoluti Enduro: Team Italia sul podio con Marcotulli

3' di lettura
2610

podio

Esordio di bronzo alla tappa inaugurale degli Assoluti d’ Italia corsi in una melmosa Chiusdino con Luca Marcotulli che sale sul 3° gradino del podio della 125 2T. Bene anche Mangini 4° ed i due fratelli Conforti.

Avvio con il botto a Chiusdino per il Team Italia Enduro. Al primo appuntamento del maggior campionato nazionale dove si sfidano i colossi della specialità, gli azzurrini sono riusciti a mettere il naso nei primissimi posti, addirittura in zona podio. A condurre il Team Italia in zona medaglie è stato il simpatico bergamasco di Luca Marcotulli in sella alla sua 125 2T firmata KTM GPMotorsport che dopo averlo fortemente inseguito nella passata stagione, nella seconda giornata, dopo il 4° della prima giornata , corona il suo primo prestigioso traguardo targato 2009, il sorprendente 3° posto di un podio interamente Under21 con Oldrati vincitore e Manzi a meno di 10 secondi nonché entrambi ex portacolori dell’ azzurro Team Italia.


Una classe quella delle piccole ottavo di litro sinonimo di giovani e particolarmente promettenti visto che nella graduatoria, le prime sei posizioni ci sono gli alfieri del Team Italia. A cominciare dal nuovo arrivato Massimo Mangini (Husqvarna Mucci) che dal 7° posto vola al 4° bnella classiiffica finale assecondato dalla reintroduzione del cross- test (tolto per impraticabilità del terreno) dove il bergamasco ha potuto sfoggiare il suo passato da crossista. Alle sue spalle Guido Conforti (Husaqvarna Mucci) due volte 5° nella sua terra senese ma con buoni spunti per le prossime prove visto che più volte è riuscito ad ottenere il 4° tempo di classe, mentre chiude con un 8° ed un 6° posto Nicolò Mori (KTM GPMotorsport) apparso non proprio a suo agio tra le morbide carregge.


Buone prestazioni anche per Vittorio Conforti, fratello maggiore di Guido entrato quest’ anno a far parte del Team Italia e che chiude la stirpe dei Conforti visto che tutti e tre i fratelli (Carlo, Guido e Vittorio) hanno avuto l’ onore di entrare ed omaggiare questa compagine azzurra. Schierato nella 250 2T Vittorio, che calza il 47 di stivale (come il campionissimo Knight) si è piazzato al 5° e al 6° posto alle spalle di piloti molto più blasonati e titolati. Gli Assoluti d’ Italia sono una vera e propria palestra per le giovani promesse perché le gare sono lunghe ed impegnative non a caso ospitano numerosi campioni nazionali ed internazionali e la tappa inaugurale ospitate tra le umide e fangose colline senesi hanno rappresentato un tour de force anche per molti professionisti.


A patire maggiormente la morsa del fango Andrea Balboni, approdato quest’ anno nel Team Italia e soprattutto nel circus dell’ enduro si è trovato a confrontarsi in un banco di prova per veri polsi di ferro concludendo il suo debutto negli Assoluti con un 7° ed 8° posto nella 250 2T, ma il suo spirito combattivo tipico dei crossisti sicuramente lo spingerà a migliorarsi già dalla prossima gara prevista domenica 15 marzo a Randazzo (CT) in occasione della prima prova degli affollati campionati Under23, tricolore di categoria in cui i piloti del Team Italia solitamente dominano la parte alta della classifica.



podio

Questo è un articolo pubblicato il 12-03-2009 alle 01:55 sul giornale del 11 marzo 2009 - 2610 letture