SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Rabbini dell’esercito israeliano: “Guerra religiosa”

1' di lettura
2099

Stando ad un racconto di un comandante dell\'esercito israeliano, i rabbini dell\'esercito israeliano hanno detto alle truppe incaricate dell\'offensiva nella Striscia di Gaza nel mese di gennaio che stavano combattendo una \"guerra religiosa\" contro gli infedeli.

Il militare in questione ha riportato: \"Il loro messaggio è stato molto chiaro: noi siamo i giudei, noi siamo arrivati in questa terra per miracolo, Dio ci ha riportato qui e ora noi dobbiamo combattere per espellere gli infedeli che stanno interferendo con la nostra conquista di questa terra occupata\". Questa la testimonianza di un altro militare: \"Anche quando eravamo in missione hanno spedito questi opuscoli pieni di salmi. Credo che nella casa dove alloggiavamo avremmo potuto riempire una stanza con tutti i salmi che avevamo ricevuto\". Queste dichiarazioni giungono alcuni giorni dopo che il giornale israeliano Haaretz ha raccolto le testimonianze di alcuni soldati che hanno partecipato all’operazione “piombo fuso” a Gaza ed ha annunciato che altri racconti saranno pubblicati nei prossimi giorni. Una testimonianza parla di una madre palestinese con i suoi due bambini uccisa da un cecchino israeliano per aver capito male l’ordine di un soldato. Il tragico fatto è stato raccontato in una delle testimonianze di soldati che hanno partecipato ai 22 giorni dell’operazione militare «Piombo fuso», raccolte dal quotidiano israeliano Haaretz.


Questo è un articolo pubblicato il 23-03-2009 alle 15:09 sul giornale del 23 marzo 2009 - 2099 letture