SEI IN > VIVERE ITALIA > SPORT
articolo

Campionato Italiano Velocità: Schrotter, Lamborghini e Battaini

3' di lettura
2405

lamborghini

Alla fine la tanto temuta pioggia è arrivata creando numerosi problemi e così due gare sono state annullate e le tre che si sono disputate hanno avuto un andamento anomalo, addirittura, un numero di giri ridotto.

Alla fine, dopo la bandiera rossa che ha chiuso la 125 GP al 12° dei 17 giri previsti per un violento acquazzone, dopo la Stock 600 con 17 ritirati per scivolate sull’ acqua, anche la 600 Super Sport è stata interrotta per la scarsa condizione di aderenza che non garantiva il regolare svolgimento della manifestazione. Il gran lavoro svolto dalla giuria di gara e dalla direzione dell’ autodromo non è stato sufficiente per rendere nuovamente praticabile l’ asfalto, nemmeno dopo un warm up che ha visto impegnati numerosi piloti della 600 Super Sport.


Così l’ evento è stato annullato, ai piloti della 600 è stato attribuito metà punteggio mentre non si sono disputate le gare della Superstock 1000 e della Superbike. Il risultato sportivo saluta le vittorie del tedesco Marcel Schrotter (Honda) nella 125 G.P., del bolognese Ferruccio Lamborghini (Yamaha – Media Action Pro Race) nella 600 Stock e del bresciano Franco Battaini (Yamaha – TNT Racing) nella 600 SS.


La corsa della 125 G.P. è stata sospesa al tredicesimo passaggio, a seguito dell’ arrivo della pioggia. In quel momento in testa si trovava Riccardo Moretti (Aprilia – Ellegi Racing) ma purtroppo per il ravennate la classifica, come da regolamento, è stata redatta sull’ ordine d’ arrivo del passaggio precedente, quando al comando era il tedesco Schrotter; così con grande delusione, Moretti ha dato addio ai sogni di gloria e per soli 68 millesimi di secondo si è dovuto accontentare del secondo gradino del podio. Terzo il compagno di Moretti, Marco Ravaioli che ha vinto la volata a tre con Gennaro Sabatino (Aprilia – Junior G.P. Racing Dream) e Davide Stirpe (Honda – CRP).


L’ aumento della pioggia ha reso veramente difficile l’ equilibrio dei piloti della gara riservata alla 600 Stock, fra i diciassette concorrenti, vittime di innocue scivolate, anche il detentore della pole Giuliano Gregorini (Yamaha – Baru Racing) e poi molti altri piloti di primo piano. La vittoria è andata all’ esordiente della categoria Ferruccio Lamborghini, che passato a condurre al primo giro, non ha più mollato fino alla bandiera a scacchi. Dietro all’ emiliano hanno chiuso nell’ ordine Andrea Boscoscuro (Yamaha – Riviera FCC) e Marco Marcheluzzo (Honda – New Magic Moda) che a due giri dal termine ha approfittato della caduta di Luca Coletto (Honda – M2 Racing) per salire sull’ ultimo gradino del podio.


Come detto le condizioni di scarsa aderenza della pista durante la gara della 600 Super Sport ha causato una serie di scivolate costringendo il direttore di corsa a esporre bandiera rossa. La classica, redatta al 3° giro, vedeva in quel momento in testa Franco Battaini che precedeva Gianluca Nannelli (Triumph) e Alessio Velini (Yamaha- VR Team). La decisione di non riprendere la gara ha fatto si che questa diventasse anche la classifica finale.



lamborghini

Questo è un articolo pubblicato il 21-04-2009 alle 00:55 sul giornale del 20 aprile 2009 - 2405 letture