Domani esce il discusso film Angeli e demoni

6' di lettura 12/05/2009 - Il 13 maggio è una fatidica data, nel 1917 - Tre piccoli contadini sostengono di aver visto la Beata Vergine Maria sopra un leccio, a Cova da Iria vicino a Fatima, Portogallo,  nello stesso giorno del 1981 Ali Agca tenta di assassinare Papa Giovanni Paolo II in Piazza San Pietro. Domani esce il film Angeli e demoni (Angels & Demons)  thriller, diretto da Ron Howard e basato sull\'omonimo romanzo best-seller di Dan Brown.



Ecco la trama del film che è in grandi linee quello del libro. Robert Langdon, (Tom Hanks) docente di simbologia religiosa ad Harvard, viene convoncato da Maximilian Kohler, direttore del CERN a Ginevra, per dare il suo parere su un ambigramma ritrovato sul cadavere di uno scienziato dell\'istituto, Leonardo Vetra. Giunto sul posto scopre che l\'omicidio è stato commesso dagli Illuminati o massoni, una setta segreta antireligiosa creduta ormai estinta. Poco dopo arriva anche Vittoria Vetra (Ayelet Zurer), figlia adottiva dello scienziato, con cui stava lavorando ad un progetto segreto. Dopo alcune reticenze, la scienziata rivela a Langdon e al direttore la natura dei suoi studi: insieme al padre è riuscita a creare una quantità ingente di antimateria, una fonte di energia così potente da dover essere tenuta in appositi contenitori creati da lei stessa. Dopo aver verificato il magazzino scoprono che il contenitore maggiore è stato trafugato dallo stesso assassino dello scienziato. Intanto nella Città del Vaticano le guardie svizzere sono impegnate nella ricerca dei quattro cardinali papabili: da poche settimane è venuto improvvisamente a mancare il Papa, e nello stesso giorno è prevista la prima riunione del Conclave che eleggerà il nuovo pontefice. Ma a poche ore dall\'inizio dell\'evento i quattro successori più probabili al soglio pontificio risultato dispersi. Intanto una videocamera interna vaticana mostra un congegno misterioso legato ad un conto alla rovescia. Il congegno è il contenitore dell\'antimateria, che grazie ad alcuni magneti elettrici mantiene stabile la sua energia evitandone l\'esplosione: ma i magneti necessitano di una carica costante, e dal momento del furto hanno un\'autonomia di ventiquattro ore prima di scaricarsi e lasciare che l\'energia annichilisca, dando vita ad un\'immensa esplosione.

Dopo alcune vicissitudini con il corpo di polizia vaticano, Langdon e la scienziata riescono ad incontrare il camerlengo Carlo Ventresca (Ewan McGregor), che durante la sede vacante è la massima autorità della Chiesa Cattolica (falso): spiegata la situazione al sacerdote, l\'assassino lo contatta al telefono, rivendicando il furto a nome degli Illuminati e annunciando di voler uccidere ognuno dei quattro cardinali ogni ora in una chiesa del cosiddetto Cammino dell\'Illuminazione, il percorso iniziatico nascosto tra i monumenti di Roma che permetteva di entrare a far parte della setta. Il professore cerca di intuire la prima tappa del percorso, scovando alcuni versi nascosti all\'interno del Diagramma della Verità, un inedito quanto sconosciuto saggio di Galileo Galilei la cui unica copia è conservata nell\'Archivio Segreto Vaticano. I versi portano i protagonisti al Pantheon, ma in realtà allo scadere del primo ultimatum comprendono che la vera meta è la basilica di Santa Maria del Popolo, dove si trova la Cappella Chigi realizzata da Raffaello Sanzio. In una cripta sottostante ritrovano il corpo del primo cardinale con sopra inciso l\'ambigramma della terra.
Langdon prosegue la sua ricerca individuando il passo successivo in Piazza San Pietro, più precisamente il bassorilievo del West Ponente: qui trovano un altro cardinale ormai esanime, con inciso l\'ambigramma dell\'aria. Ormai è chiaro che ogni tappa è segnata dalla presenza di un\'opera del Bernini e da un obelisco: per individuare la tappa successiva il protagonista consulta i registri dell\'Archivio Vaticano. Si reca dunque nella chiesa di Santa Maria della Vittoria, dopo la celebre Estasi di Santa Teresa costituisce l\'Altare del fuoco. E difatti qui trovano il terzo cardinale appeso con delle catene e marchiato dall\'ambigramma del fuoco; Langdon e Vittoria si scontrano con l\'assassino, ma dopo una violenta colluttazione la ragazza viene rapita e lo studioso rimane intrappolato sotto un sarcofago, rischiando di morire soffocato. L\'ultima tappa, dedicata all\'acqua, è chiaramente una fontana: Langdon individua l\'ultima opera del Bernini, la Fontana dei Quattro Fiumi in Piazza Navona. Qui riesce finalmente ad anticipare il misterioso assassino, ma non può nulla per salvare la vita all\'ultimo cardinale. Tuttavia scopre che Vittoria è ancora viva, e che si trova nella cosiddetta Chiesa dell\'Illuminazione, ritrovo segreto della setta e ultima meta del percorso iniziatico. Dopo alcuni ragionamenti, individua in Castel Sant\'Angelo la tappa finale del suo percorso: rubata un\'automobile, giunge alla fortezza dove si scontra con l\'assassino, e grazie al tempestivo intervento della ragazza riescono a liberarsi dell\'omicida. All\'ultimo momento però si scopre che esiste un sesto ed ultimo marchio, che il capo degli Illuminati - un anonimo Giano - sta per impiegare sul camerlengo. Dopo aver appreso poco prima che Kohler, il direttore del CERN, stava giungengo in Vaticano per discutere con lui della situazione, intuiscono il pericolo e attraverso il Passetto giungono nel Palazzo Apostolico in modo da salvare la vita del sacerdote. Giunti negli appartamenti papali, scoprono il camerlengo Ventresca urlante di dolore e marchiato dall\'ultimo ambigramma mentre Kohler gli punta contro una pistola. Al petto, marchiato a fuoco, l\'ultimo ambigramma, il Diamante degli Illuminati, che riassume in sé gli ambigrammi dei quattro elementi. Ventresca addita Kohler come Illuminato dopo che questi è stato appena colpito dal fuoco delle guardie svizzere: durante l\'agonia il direttore del CERN affida a Langdon una minicamera, chiedendogli di consegnare tutto ai mass media. Il camerlengo, ormai sotto shock, comincia a gridare e a farneticare, finché come in estasi comincia a rispondere a una presenza invisibile, e si precipita all\'interno della Basilica consapevole di poter salvare la situazione. Giunto alla Nicchia dei Palli, ed inseguito dai protagonisti, accede alle Grotte Vaticane fino alla tomba di Pietro, dove si trova effettivamente l\'antimateria. A pochi minuti dall\'esplosione, salendo su un elicottero insieme a Langdon porta in salvo l\'ordigno, lasciandolo esplodere nel cielo, salvandosi però con un paracadute. Robert Langdon invece si salva in extremis lanciandosi con un telone cerato, e scendendo nelle acque del Tevere. Ormai il camerlengo è osannato come un santo, ed il conclave è pronto ad eleggerlo papa facendo uno strappo a regole secolari, ma il video registrato da Kohler e conservato da Langdon lo inchioda alle sue responsabilità, smascherandolo come il famigerato Giano, colui che ha organizzato e diretto l\'uccisione di Leonardo Vetra e dei cardinali e che ha nascosto il cilindro di antimateria nel cuore della Basilica di San Pietro
Buona visione!








Questo è un articolo pubblicato il 12-05-2009 alle 00:18 sul giornale del 12 maggio 2009 - 565 letture

In questo articolo si parla di giacomo campanile, roma chiesa papa, Angeli e demoni, Tom Hanks