SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Attentato in Somalia. 50 morti, tra cui il Ministro della Sicurezza Nazionale

1' di lettura
1960

È di almeno 50 i morti e oltre 100 i feriti il bilancio dell\'attentato suicida compiuto giovedì contro un albergo della città di Beledweyne, a nord di Mogadiscio, costato la vita al ministro per la Sicurezza nazionale Omar Haji Aden.

Il presidente della Somalia, Sheikh Sharif Ahmed, ha indicato negli insorti islamici del gruppo Al Shabab i responsabili della strage avvenuta a Beledweyne. Il movimento al Shabab (che vuol dire gioventù in arabo) sono considerati il bracci armato di al Qaida in Somalia.

Aden era un personaggio chiave nell\'offensiva del governo contro i ribelli islamici che controllano la gran parte della Somalia meridionale e vogliono rovesciare il presidente Sharif Sheikh Ahmed per instaurare una rigida versione della sharia nel Paese del Corno d\'Africa.

Un attentatore suicida ha scagliato contro l\'hotel Medina una berlina Toyota proprio quando la delegazione del ministro si era riunita nella hall per uscire. La deflagrazione è stata violenta carbonizzando i corpi delle vittime e distruggendo gran parte dell\'albergo.

Il gravissimo attentato fa seguito a un giorno di violenti scontri tra i ribelli islamici e le forze governative, in cui sono morte almeno 26 persone, tra cui il comandante della polizia della città .In settimane di violenze, il bilancio e\' di più di 400 morti e 117.000 sfollati, in fuga da Mogadiscio a causa dei combattimenti.


Questo è un articolo pubblicato il 19-06-2009 alle 17:02 sul giornale del 19 giugno 2009 - 1960 letture