SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Maturità: ultimi giorni di ripasso per 500 mila studenti

3' di lettura
3386

esame
Mezzo milione di studenti di tutta Italia si avvicinano al grande giorno: la maturità. Un esame che, per quest\'anno, resta invariato nella tipologia e nelle prove, tre scritti e una prova orale.

I 500 mila studenti circa che, da giovedì 25 giugno, dovranno sostenere l\'esame di maturità sono alle prese con gli ultimi giorni di ripasso frenetico. Quest\'anno, nuova modalità di ammissione all\'esame. Gli studenti infatti, hanno dovuto conseguire nello scrutinio finale una media almeno del sei, calcolata comprendendo anche il voto sul comportamento. Chi non ha ottenuto una valutazione sufficiente, vale a dire coloro che hanno avuto 5 in condotta, a differenza degli anni passati, non è stato ammesso alla maturità.


Un esame di stato, invece, al quale sono automaticamente ammessi i ragazzi che in quarta hanno conseguito una valutazione non inferiore al 7 in ciascuna materia e 8 per la condotta nelle classi seconda e terza. I cosiddetti \'ottisti\', dunque, come in passato sono ammessi direttamente all\'esame che prenderà il via giovedì 25 giugno.


Prima prova, come di consueto, uguale per tutti gli indirizzi e con modalità tipiche, sarà la prova di italiano. Uno scritto a scelta tra l\'analisi di un testo letterario, la produzione di un saggio breve o di un articolo di giornale, e il tema di argomento storico o attuale. Naturalmente, il saggio breve o l\'articolo di giornale, come negli scorsi anni, sarà a scelta dello studente in diversi ambiti, quali socio-economico, tecnico-scientifico, storico-politico, artistico - letterario.

Il giorno successivo, per la seconda prova, ogni indirizzo scolastico affronterà il proprio scritto. Prova di traduzione latina al classico, matematica al liceo scientifico, lingua straniera al liceo linguistico, pedagogia al liceo pedagogico ed elementi di architettura per quello artistico. Per gli istituti tecnici e professionali sono state scelte materie che, oltre a caratterizzare i diversi indirizzi di studio, hanno una dimensione tecnico-pratico-laboratoriale. Per questa ragione la seconda prova può essere svolta in forma scritta o grafica o scritto-grafica o scritto-pratica, utilizzando anche i laboratori dell’istituto.


Poi, l\'ultima prova scritta, nota come il \'quizzone\', che comprende più discipline, avrà luogo lunedì 29 giugno. A seguire, dopo la correzione delle tre prove scritte, scatteranno gli orali per tutti gli studenti. Studenti che, per superare l\'esame di stato, ed ottenere così il diploma di maturità, dovranno ottenere un punteggio minimo complessivo di 60/100. Una valutazione sufficiente ottenuta dal voto dei tre scritti più l\'orale.


La commissione dispone di 45 punti per la valutazione delle tre prove scritte, ripartiti in parti uguali (15 per ognuna). Ciascuna dovrà inoltre ottenere un punteggio non inferiore al dieci. Per la valutazione della prova orale, invece, la stessa commissione dispone di 30 punti (contro i 35 punti del passato) dei quali, per i 500 mila studenti, ne saranno necessari almeno 20 per essere considerati sufficienti e superare la prova. La valutazione finale, complessiva delle singole valutazioni delle prove, dovrà raggiungere almeno i 60/100. In caso contrario, se il superamento dell\'Esame di Stato non dovesse verificarsi, nell\'albo dell\'Istituto dovrà apparire soltato la valutazione \'esito negativo\' senza il punteggio ottenuto.


Questo dunque l\'esame di maturità previsto per gli studenti ormai ai blocchi di partenza ma, per i maturandi degli anni a seguire, l\'esame potrebbe avere un\'ulteriore prova scritta. La prova nazionale Invalsi, già introdotta e sperimentata alle scuole medie. Una quarta prova scritta che il Ministro Gelmini ha già annunciato voler introdurre con la Nuova Riforma della scuola Superiore per \"Valutare gli studenti in maniera più oggettiva possibile\".



esame

Questo è un articolo pubblicato il 24-06-2009 alle 16:06 sul giornale del 24 giugno 2009 - 3386 letture