SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Vicenza: truffe ad anziani, 84enne ossessionato uccide un Carabiniere

2' di lettura
2064

carabinieri

Ossessionato dalla paura dei ladri e di subire aggressioni, si barrica in casa e spara un colpo di fucile: vittima un ufficiale Carabiniere.

La tragedia si è consumata in pochi istanti a Nanto nel Vicentino. Battista Zanellato, di 84 anni, ossessionato dalla paura dei ladri e di subire aggressioni, si è barricato nella propria abitazione dove vive da solo.


Timore accentuato, oltre che dalle continue notizie di aggressioni ad anziani, dall\'età e dal caldo di questi giorni che, secondo le dichiarazioni del figlio, avrebbero mandato in confusione l\'anziano. Circa tre giorni fa, infatti, l\'84enne ha iniziato a dare segni di scarsa lucidità mentale che ha causato poi l\'inaspettata tragedia.


Avendo appuntamento dal medico per le 17 di venerdì per un controllo, il figlio era passato a prendere l\'anziano ma, dopo vari tentativi, non avendo risposta dal genitore, aveva deciso di chiamare i Carabinieri.


I militari, giunti immediatamente sul posto per assicurarsi che Battista Zanellato stesse bene, si sono trovati coinvolti in una situazione più grave e complicata del previsto. L\'anziano, che aveva in casa un vecchio fucile, appena aperta la porta di casa ha iniziato a sparare colpendo il tenente colonnello Valerio Gildoni, di 42 anni, alla testa.


Nulla è stato possibile per salvare la vita all\'ufficiale Carabiniere, giunto a Vicenza domenica scorsa per prendere servizio come Comandante del Nucleo Investigativo. Un colpo, secco e deciso, mortale ad un ufficiale che, nella mente dell\'ossessionato 84enne, risultava essere un ladro/aggressore, finto Carabiniere, come spesso si è sentito negli ultimi tempi dai media.

Soltanto i Gis, le \"teste di cuoio\" italiane, gli specialisti delle situazioni veramente difficili, sono riusciti a prenderlo con un blitz senza che fosse versato altro sangue. Ed il rischio, dopo un assedio durato otto ore, durante le quali in almeno un\'altra occasione l\'anziano, che si era barricato in casa, ha fatto ancora fuoco, era reale.

L\'anziano, con una vita tranquilla alle spalle, è stato quindi arrestato dai Gis che sono entrati nella casetta di due piani scalandone la facciata. Una, due, tre quattro serie di granate stordenti e l\'uso del gas hanno fatto desistere l\'anziano che non è rimasto ferito, ma è ricoverato in ospedale per controlli.



carabinieri

Questo è un articolo pubblicato il 19-07-2009 alle 03:08 sul giornale del 18 luglio 2009 - 2064 letture