La Disney acquista la Marvel: big bang nel mondo dell\'animazione

3' di lettura 01/09/2009 - Big Bang nel mondo del fumetto e dell\'animazione. La Walt Disney Company fa il \"colpaccio\" e acquisisce la Marvel Entertainment Inc. L\'operazione è di quelle stratosferiche: 4 miliardi i dollari investiti, non meno del 40 per cento le azioni della Marvel che finiranno in mano al colosso californiano Disney.

Big Bang nel mondo del fumetto e dell\'animazione. La Walt Disney Company fa il \"colpaccio\" e acquisisce la Marvel Entertainment Inc. L\'operazione è di quelle stratosferiche: 4 miliardi i dollari investiti, non meno del 40 per cento le azioni della Marvel che finiranno in mano al colosso californiano Disney. Dollari e Borsa a parte, la notizia è di quelle che fanno sobbalzare sulla sedia gli appassionati del genere, tra stupore e un pizzico di ansia.

I due giganti americani dell\'animazione e del fumetto racchiudono in sé due creatività diverse, che si sono sviluppate negli anni seguendo binari paralleli.

Da una parte, il mondo di Topolino and friends, che continuano a vivere infinite avventure tracciati dalle matite di tutto il mondo e prendono vita e forma negli hollywoodiani parchi Disneyland, consacrazione di un universo dove il divertimento si coniuga al merchandise e al turismo. In una evoluzione mai stanca, l\'animazione Disney si è imposta reinterpretando il genere fiabesco con classici rimasti immortali (da Biancaneve a Cenerentola), e in tempi più recenti ha affermato nuovamente la sua autorità regalando gemme di grande successo come Alla ricerca di Nemo e Cars in coproduzione con la Pixar animazioni. Senza contare il riscontro di lungometraggi come I Pirati dei Caraibi e i musical della serie High School.


Dall\'altra parte un serbatoio di storie e personaggi, tutto l\'esercito dei supereroi Marvel: gli X-Men, Hulk, Capitan America, L\'uomo ragno. Le loro avventure sono un cult per appassionati in tutto il mondo che li hanno conosciuti prima grazie alle tavole inchiostrate, poi sul grande schermo. Impressionante il successo ottenuto con la saga cinematografica di Spider Man, Iron Man, l\'incredibile Hulk e il recentissimo X-men: le origini. Insomma, fiabe e cotte tra i banchi di scuola contro duelli psionici, superarmi e superpoteri.


Gli amministratori delegati di entrambe le società sono convinti di questo passo. Ike Perlmutter (Marvel) ha spiegato che la Disney è \'\' una dimora perfetta per i fantastici personaggi del catalogo Marvel, vista la sua provata abilità di espandere i suoi contenuti creativi e il business dei diritti. Entrare a far parte dell\'incredibile organizzazione globale e le infrastrutture internazionali della Disney - dice Perlmutter - rappresenta per la Marvel un\'opportunità senza precedenti per accrescere il suo marchio e i suoi personaggi\'\'.


\"Questa transazione combina la forza globale del marchio Marvel, con i suoi personaggi universalmente riconosciuti come Iron Man, Spider Man, I Fantastici Quattro e Thor, con i talenti creativi di Disney\", ha detto Robert A. Iger, presidente e capo esecutivo di Walt Disney Company. \"Crediamo che l\'aggiunta di Marvel al portfolio di Disney costituisca una significativa opportunità di crescita per una crescita su lungo termine e la creazione di valore\" ha detto ancora Iger.


Di certo siamo davvero di fronte a una nuova era dell\'animazione mondiale. Ma il dubbio è lecito: come conviveranno queste eredità così diverse?






Questo è un articolo pubblicato il 01-09-2009 alle 17:41 sul giornale del 01 settembre 2009 - 5557 letture

In questo articolo si parla di cultura, cinema, michela sbaffo, USA, disney, animazione, marvel, topolino, uomo ragno, x-men, walt disney





logoEV