Scuola: riparte la protesta e insegnanti in mutande

scuola 1' di lettura 02/09/2009 - Le proteste per i tagli alla scuola ripartono a Milano come a Roma, dove un gruppo di docenti di educazione fisica in attesa di vedere a chi quest\'anno verrà assegnata la cattedra e a chi no, si sono messi in mutande.



Lo spogliarello di protesta ha avuto come palcoscenico il liceo scientifico Isacco Newton di Roma. Nel corso dello spogliarello i dimostranti hanno esposto uno striscione, «30 anni di precariato... ed ancora in mutande», firmato educazione fisica.

A Milano, invece, precari e supplenti che aderiscono al “Coordinamento precari scuola 3 Ottobre” si sono incatenati davanti all\'Ufficio scolastico provinciale per protestare contro i tagli effettuati dal ministro Gelmini. In provincia di Milano denuncia l\'associazione sono oltre mille i disoccupati.

Francesco Scrima, segretario generale della Cisl, afferma che per i precari si tratta di una vera emergenza. Secondo il sindacalista, i tagli imposti con irragionevole pesantezza dalla Finanziaria si scaricherebbero sulla funzionalità delle istituzioni scolastiche e colpirebbero duramente il personale precario che non ritrova il suo posto di lavoro.





Questo è un articolo pubblicato il 02-09-2009 alle 18:45 sul giornale del 02 settembre 2009 - 1684 letture

In questo articolo si parla di scuola, attualità, giulia angeletti, tagli





logoEV