Tripoli: addio polemica, tricolore come manovra d\'apertura

frecce tricolore 1' di lettura 03/09/2009 - Bianco, rosso e verde. I colori della bandiera italiana, classica fumata delle Frecce Tricolori, non hanno smesso di colorare il cielo.

A Tripoli, infatti, nonostante la richiesta della Libia \"che le Frecce Tricolori si alzassero in volo stendendo il fumo verde\", si sono esibite con la classica fumata. Un tricolore, bianco-rosso-verde, mai messo in discussione dalla Libia, secondo l\'ambasciatore Abdulhafed Gaddur che ha spiegato: \"Non è assolutamente vero\". \"Sono state persone non responsabili a mettere in giro questa voce\" - aggiunge - \"Come stato libico abbiamo autorizzato l\'esibizione delle Frecce Tricolori e la consueta fumata\".


Dunque una polemica inutile che, secondo la Libia, non sarebbe mai dovuta nascere perchè il tricolore (bianco-rosso-verde) non sarebbe mai stato messo in discussione, al contrario di quanto annunciato dall\'ambasciatore d\'Italia in Libia Francesco Paolo Trupiano.


Contrario a quest\'ultimo anche il comandante della pattuglia acrobatica italiana, tenente colonnello Massimo Tammaro, che ha assicurato: \"Non ci alzeremo in volo se le Frecce Tricolori non potranno stendere il fumo bianco, rosso e verde\". Ed ha poi sottolineato: \"La procedura in vista del volo a Tripoli proseguono come pianificato, ma in ritardo di un\'ora rispetto al programma\".


Una garanzia rispettata, ieri a Tripoli, dove le Frecce Tricolori si sono alzate in volo, esibendosi con la consueta fumata bianco, rosso e verde. Tricolore utilizzato non a chiusura dell\'esibizione come previsto ma, addirittura, come prima manovra.






Questo è un articolo pubblicato il 03-09-2009 alle 01:19 sul giornale del 02 settembre 2009 - 2011 letture

In questo articolo si parla di attualità, libia, Sudani Alice Scarpini, frecce tricolore, tripoli





logoEV