SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Appalti pubblici: Sandra Lonardo rinviata a giudizio

1' di lettura
1582

La presidente del Consiglio regionale Sandra Lonardo, attualmente «esiliata» per l\'inchiesta sull\'Arpac (ha l\'obbligo di dimora fuori Campania), è stata rinviata a giudizio dal gup Sergio Marotta per tentata concussione. Il processo inizierà il 15 febbraio prossimo davanti all\'undicesima sezione del tribunale di Napoli.

L\'inchiesta che il 16 gennaio 2008 portò agli arresti domiciliari la stessa Lonardo vide coinvolti numerosi esponenti del Campanile tra cui l\'allora Guardasigilli Clemente Mastella. Vicenda giudiziaria che portò alle dimissioni del ministro della Giustizia e poi alla caduta del governo Prodi.

Il rinvio a giudizio è stato disposto anche per altri imputati, tra cui esponenti locali dell\'Udeur. Per diversi capi di imputazione gli atti sono stati trasmessi invece alle procure di Salerno e di Benevento per competenza territoriale.

Anche qui si contesta un giro di favori e assunzioni pilotate, che ha portato la magistratura a disporre il divieto di dimora in Campania per la Lonardo e gli arresti domiciliari per Luciano Capobianco (ex direttore generale Arpac), accusati di avere partecipato ad giro di favori e assunzioni pilotate.


Questo è un articolo pubblicato il 26-10-2009 alle 15:26 sul giornale del 27 ottobre 2009 - 1582 letture