SEI IN > VIVERE ITALIA > CRONACA
articolo

Caso Cucchi: la procura sta indagando per omicidio preterintenzionale

1' di lettura
2444

Omicidio preterintenzionale. È questo il reato ipotizzato dalla procura di Roma nell\'ambito della morte del detenuto Stefano Cucchi, il 31enne deceduto il 22 ottobre scorso in circostanze poco chiare nel reparto penitenziario dell\'ospedale Sandro Pertini di Roma.

A chi indaga non e\' sfuggita affatto una serie di \"anomalie presenti sulla salma\", al punto che e\' stata subito disposta una consulenza medico legale con tanto di scatti fotografici effettuati in sede autoptica.

Sono già stati sentiti come testimoni alcuni carabinieri della stazione Appio-Claudio in cui Cucchi passò, in una cella di sicurezza, la prima notte, quella tra il 15 ed il 16 ottobre scorsi, in seguito al fermo per detenzione di sostanze stupefacenti. Già sentiti anche alcuni agenti di polizia penitenziaria. Altri dovranno essere sentiti, compreso l\'uomo al quale Cucchi cedette l\'hashish prima di essere fermato.

Agli atti dell\'inchiesta risulta, poi, che il 31enne pesava 42 chili al momento dell\'ingresso a Regina Coeli e 37 quando e\' morto.



Questo è un articolo pubblicato il 30-10-2009 alle 18:58 sul giornale del 31 ottobre 2009 - 2444 letture