SEI IN > VIVERE ITALIA > POLITICA
articolo

Decreto salvalista: proteste in piazza e disappunto della Cei

1' di lettura
1170

Continua la protesta contro il decreto salva-liste approvato venerdì scorso dal Cdm per rimediare all’esclusione della lista del Pdl nel Lazio e del listino di Roberto Formigoni in Lombardia.

A Roma l\'appuntamento è stato fissato alle 15 in piazza Navona a sostegno \"della Costituzione in maniera pacifica e non violenta\", così come in molte città. Il Popolo viola sarà anche alla grande manifestazione delle opposizioni organizzata per sabato prossimo a Roma.

Sul palco romano, dove si sono alternati diversi giuristi per spiegare l\'incostituzionalità del dl, è stato allestito un altarino con un lumino viola al centro e due piantine di lato con sotto la scritta \'Qui giace lo stato di diritto\'.

Gianfranco Mascia, portavoce del Popolo viola, che ha organizzato il sit in di protesta in piazza Navona contro il decreto legge è convinto che il decreto sta facendo perdere elettori a Berlusconi, in quanto al loro movimento stanno aderendo in questi giorni anche persone del centrosinistra.

Sulla vicenda interviene anche la Cei: mons. Domenico Mogavero, responsabile della Conferenza episcopale italiana per gli affari giuridici, ai microfoni della Radio Vaticana dichiara che cambiare le regole del gioco mentre il gioco è in corso è un atto altamente scorretto.



Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2010 alle 18:27 sul giornale del 08 marzo 2010 - 1170 letture