SEI IN > VIVERE ITALIA > ATTUALITA'
articolo

Laziogate: chiesti due anni per Storace

1' di lettura
1420

Condannare a due anni di reclusione l'ex presidente Francesco Storace e gli altri imputati con pene fino a 3 anni e 6 mesi. Sono state queste le richieste del pubblico ministero nel processo Laziogate, l'intrusione nell'anagrafe del comune di Roma nel corso delle regionali 2005.

I reati, a seconda delle singole posizioni, vanno dall'interferenza illecita nella vita privata, alla violazione della legge elettorale, al favoreggiamento personale.


Secondo la procura, Storace avrebbe ideato intrusioni nell'anagrafe del Comune di Roma, poi compiute da uomini a lui vicini e da investigatori privati, per verificare i dati dei sottoscrittori della lista Alternativa Sociale di Alessandra Mussolini, a quel tempo in concorrenza con Alleanza Nazionale.


Ecco le altre richieste di condanna: 3 anni e 6 mesi per Nicolò Accame; 2 anni per Nicola Santoro; 2 anni e 2 mesi per Pierpaolo Pasqua; 3 anni per Mirko Maceri; 2 anni per Tiziana Perreca; 2 anni per l'avvocato Romolo Reboa; un anno per Daniele Caliciotti.



Questo è un articolo pubblicato il 15-04-2010 alle 16:47 sul giornale del 16 aprile 2010 - 1420 letture