Naomi Campbell ed i diamanti insanguinati della Sierra Leone

1' di lettura 05/08/2010 -

La topmodel britannica Naomi Campbell, convocata come testimone nel processo per crimini di guerra contro l'ex presidente della Liberia Charles Taylor, ha detto oggi di avere ricevuto una borsetta con alcuni piccoli diamanti mentre era in Sud Africa nel 1997.



Una bustina contenente due o tre “diamanti sporchi”: fu questo il regalo che, in una notte del settembre 1997, Naomi Campbell ricevette da due sconosciuti che le bussarono alla porta della sua stanza d’albergo.

La testimonianza non avrà alcuna conseguenza legale per Naomi, ma è cruciale per un processo in cui Taylor è accusato di aver finanziato la guerriglia della Sierra Leone con i cosiddetti "diamanti di sangue".

Taylor ha respinto le accuse che gli sono state mosse. L’uomo, se ritenuto coinvolto dal Tribunale, dovrà rispondere a 11 capi d’accusa per aver istigato omicidi, stupri, mutilazioni, tratta di esseri umani e coscrizione di soldati bambino. Nel corso della guerra in Liberia e Sierra Leone, persero la vita più di 250 mila persone.






Questo è un articolo pubblicato il 05-08-2010 alle 19:08 sul giornale del 06 agosto 2010 - 843 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti, sierra leone, diamanti, traffici illegali

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/aZ0





logoEV