SEI IN > VIVERE ITALIA > LAVORO
articolo

Melfi: tre operai reintegrati. FIAT: avranno lo stipendio ma senza lavorare

2' di lettura
1011

Fiat

Durante l'ultimo sciopero allo stabilimento FIAT di Melfi, secondo le accuse dell'azienda, tre operai hanno impedito ad altri operai che non scioperavano di lavorare. La FIAT ha licenziato i tre. Il tribunale del lavoro li ha reintegrati. Lunedì, al ritorno dalle ferie, i tre non sono stati fatti entrare nello stabilimento in attesa della sentenza di appello.

I tre operai erano stati invitati dall'azienda a rimanere a casa ma oggi, applauditi dai colleghi, sono rientrati in fabbrica. L'azienda però li ha condotti nel gabbiotto di sorveglianza e dopo meno di due ore sono nuovamente usciti su indicazione dei legali del loro sindacalo, la Fiom.
La Fiat ha fatto sapere che accetterebbe la loro presenza solo a patto che occupino una saletta e svolgano esclusivamente attività sindacale.

Gli avvocati presenteranno denuncia penale contro Fiat per la mancata esecuzione della sentenza di reintegro.
"La scelta della Fiat a Melfi è stata grave - ha detto Maurizio Landini, leader della FIOM. - Oggi si è assunta la responsabilità di commettere un reato. Lasciare i lavoratori nella saletta sindacale non è reintegro ma una maniera di reagire offensiva della dignità del lavoratore e del sindacato".

Uno dei tre operai si è appellato al presidente Napolitano: ''Lancio un appello al presidente Napolitano: non ci faccia vergognare di essere italiani".

Di tutt'altro parere la FIAT che ribadisce la legittimità dei provvedimenti adottati. In attesa del ricorso del prossimo 6 ottobre la società spiega che il reintegro ordinato dal tribunale è stato eseguito e che i fatti che hanno causato il licenziamento sono gravissimi: "Si è trattato di un volontario e prolungato illegittimo blocco della produzione, e non esercizio del diritto di sciopero".



Fiat

Questo è un articolo pubblicato il 23-08-2010 alle 20:05 sul giornale del 24 agosto 2010 - 1011 letture