Orrore in Messico: trovati 72 corpi in una fattoria del nord

1' di lettura 25/08/2010 -

La guerra tra cartelli del narcotraffico continua a mietere vittime in Messico. Un'unità di soldati di marina messicani ha trovato 72 corpi in un ranch nel Messico settentrionale dopo aver ingaggiato uno scontro a fuoco con presunti sicari della droga.



Si tratta della più grande fossa comune mai scoperta da quando il presidente Felipe Calderon, nel 2006, ha inasprito la sua offensiva contro i cartelli della droga, che ha fatto finora oltre 28mila morti.

La scoperta della fossa comune è avvenuta dopo che un uomo ferito si è avvicinato a un posto di blocco dei marines, nello stato di Tamaulipas, raccontando di essere stato attaccato da uomini armati che si trovavano nel ranch.

I militari hanno inoltre trovato un vero arsenale composto da 21 pistole, 7 fucili 101 caricatori, 6.949 cartucce di diverso calibro, quattro giubbotti antiproiettile, giubbe mimetiche e quattro camion con falsa immatricolazione camuffati da mezzi del ministero della Difesa.






Questo è un articolo pubblicato il 25-08-2010 alle 15:21 sul giornale del 26 agosto 2010 - 862 letture

In questo articolo si parla di attualità, giulia angeletti, messico, narcotraffico

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/buL





logoEV